6 mag 2018

petit onze

Il Petit Onze,
è una struttura poetica caratterizzata da 1 – 2 – 3 – 4 – 1 parole, per un totale di 11. 
Una composizione breve di origine europea, la cui origine viene attribuita alla scuola del poeta e scrittore surrealista francese André Breton (1896-1966).
In francese ONZE=undici, dunque "piccolo undici"). 
L'idea del poeta era quella di poter costruire un "albero" di parole: se si scrivono le parole al centro del foglio, in alto una, procedendo oltre due, tre e quattro, concludendo sempre con una sola parola, si ha un piccolo albero di parole col tronco, ... anche rovesciato, come illustra la bellissima foto con cui ho pensato di presentare questo post.. 
In altri termini come dire del mondo, delle cose del mondo in undici parole? 
La parola che ci ha fatti uscire (almeno in parte) dalla condizione più brutamente ferina è rimasta vittima dell’orgia comunicativa che sta uccidendo il valore della stessa parola.
Ecco perché il piccolo undici, il petit onze, è un viaggio, sperimentazione di sé e di se. 

Durante gli incontri in biblioteca con il gruppo di scrittura autobiografica “Tempo per se” abbiamo provato a strutturare qualche pensiero con la tecnica del Petit Onze; qui di seguito Vi propongo qualche esempio.
Cosa ne pensate,…e soprattutto perché non provate a cimentarvi e descrivere un ricordo con questa semplice tecnica e magari a condividerlo con gli altri amici che seguono questa pagina?
Buona settimana a tutti. 

SI
POSSONO PENSARE
MOLTI "PETITS ONZES"
SCRITTI COSI' COME VIENE
LIBERAMENTE.

FARE
DOLCE POESIA
SCRIVENDO UNDICI PAROLE
UNA DIETRO ALL'ALTRA
CONCATENATE.

ARRANCO
SULLA CIMA
PER CERCARE LONTANO
QUELLO CHE INVECE ERA
VICINO.

SE
TUTTO QUELLO
CHE NOI VOGLIAMO
FOSSE ALLA NOSTRA PORTATA
IMPAZZIREMMO!

CORRERE
LOTTARE PREVARICARE
ODIARE SOFFOCARE RUBARE
HA DAVVERO UN SENSO
FARLO?

TORNEREMO
LO SO
PER SEMPRE INSIEME
UN GIORNO AMORE MIO
SOGNANDO

Nessun commento:

Posta un commento


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *