VOTAMI

classifiche

avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

09 ott 2013

Imbrattatori a rischio carcere/Mazačem tabel grozi zapor



Avvertimento importante per coloro che hanno il brutto vezzo di imbrattare o danneggiare i cartelli stradali bilingui: rischiate il carcere. Nel procedimento, in corso al Tribunale di Trieste, contro due persone accusate di aver coperto con della vernice le scritte in sloveno sulle tabelle di San Giovanni in Tuba/Štivan, il pubblico ministero Antonio Miggiani ha chiesto e ottenuto dal giudice per le indagini preliminari Marco Casasvecchia di aggiungere al reato di danneggiamento della pubblica proprietà quello ben più grave di intolleranza etnica. La pena va dai 9 mesi ai 4 anni e mezzo di reclusione. È proprio la legge statale di tutela della minoranza slovena, la 38 del 2001, a stabilire che la convenzione internazionale sull’eliminazione di tutte le forme di discriminazione razziale (legge 645/75) e il decreto in materia di discriminazione razziale, etnica e religiosa (legge 205/93) «si applicano anche ai fini di prevenzione e di repressione dei fenomeni di intolleranza e di violenza nei confronti degli appartenenti alle minoranze linguistiche» (art. 23). È la prima volta che quell’articolo viene applicato. Di conseguenza, oltre al Comune di Duino Aurisina proprietario dei cartelli stradali danneggiati, al processo sono stati ammessi quali parti danneggiate, anche il cicolo sloveno «Timava» e le due organizzazioni più rappresentative della minoranza slovena, lo Sso e la Skgz. Anche nella Slavia i cartelli bilingui sono stati più volte imbratti. La vicenda più recente è quella della tabella sulla statale all’ingresso di S. Pietro, ripulita da volontari il 5 marzo, dopo che la scritta in sloveno era rimasta coperta per qualche anno, ma risporcata dopo poche settimane. L’autore o gli autori del reato non sono stati mai scoperti. Di certo dopo le decisisioni del Tribunale di Trieste dormono sonni meno tranquilli.
Mazači pozor! Mazanje dvojezičnih cestnih tabel ni le kaznivo dejanje proti javni lastnini, a tudi kaznivo dejanje etnične nestrpnosti. Za to kaznivo dejanje italijanski kazenski zakonik predvideva zaporno kazen od 9 mesecev do 4 leta in pol. To je sporočilo obravnave 23. septembra na tržaškem sodišču o mazačih, ki so ju lani spomladi zasačili pri Štivanu. Tožilec Antonio Miggiani je po nastopu prič uradno predlagal spremembo obtožnice in torej vključitev oteževalne okoliščine diskriminacije, sodnik Marco Casavecchia pa se je po razmisleku, med katerim je vzel v pretres kazenski postopkovnik, strinjal. Z »obogateno« obtožnico bodo seznanili obtoženca (35-letni predsednik tržiške sekcije Lege Nazionale Andrea Franco in njegov vrstnik Lorenzo Degrassi iz Devina sta bila odsotna), sodnik pa mora določiti, kako naj se proces nadaljuje. Po novem se bodo lahko priglasile oškodovane stranke, ki so bile doslej »na čakanju«, se pravi društvo Timava ter krovni organizaciji SKGZ in SSO. Po 23. členu zaščitnega zakona št. 38/2001, so v Italiji pojavi nestrpnosti in nasilja nad pripadniki jezikovnih manjšin obravnavani kakor rasna diskriminacija. Pojav mazanja in poškodovabja cestnih tabel s slovenskimi napisi je dobro poznan tudi v videnski pokrajini. Najzgovornejši primer je napis ob vhodu v Špietar, kjer je slovensko ime vasi že več let prekrito s čarno barvo. Prostovoljci so bili tablo očedili 5. marca letos ob akciji v prid dovojezični šoli a so jo kasneje neznanci spet pomazali.

Nessun commento:

Posta un commento


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *