avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

VOTAMI

classifiche

saluti

saluti
lingue parlate in fvg

22 nov 2013

Lusevera e Taipana, scuole bilingui dal prossimo anno

foto da google


Ad un preciso quesito della direttrice dell'Ufficio scolastico regionale Daniela Beltrame, il ministero dell'Istruzione ha risposto che non c'è alcun ostacolo alla trasformazione delle scuole dei comuni di Taipana e Lusevera da monolingui a bilingui. L'unica condizione posta è che per tutti i bambini e ragazzi venga scelta l'opzione dell'insegnamento in lingua italiana e slovena. Quindi il prossimo anno scolastico 2014/15 potrebbe segnare un nuovo inizio per le valli del Torre e del Cornappo. Lo ha reso noto l'on. Tamara Blažina in un incontro a Cividale a cui hanno preso parte i rappresentanti delle due amministrazioni comunali, i presidenti delle organizzazioni di riferimento della minoranza slovena (SKGZ ed SSO), la presidente del Comitato paritetico e la dirigente dell'Istituto statale comprensivo bilingue nelle cui competenze dovranno rientrare le due scuole che diventeranno sedi staccate di quella sanpietrina. 
Le amministrazioni comunali di Lusevera e Taipana, dopo averlo fatto due anni fa quando presentarono ufficialmente la richiesta, ora dovranno raccogliere nuovamente le adesioni sottoscritte da tutte le famiglie.
Ognuna delle due scuole è strutturata in scuola dell'infanzia e primaria di primo grado, con due pluriclassi in ogni comune per un totale di 38 alunni a Lusevera ed altrettanti a Taipana.
I tempi per contattare le famiglie sono tuttavia molto stretti perchè proprio in questi giorni le Province stanno predisponendo la rete scolastica per il prossimo anno, a cui seguirà la definizione della rete scolastica da parte della Regione. 
Fatto il primo passo, sarà necessario affrontare la questione degli insegnanti in lingua slovena e dell'organico che presenta una sua complessità.
Finalmente, tuttavia, si apre uno spiraglio in una vicenda che si protrae da tempo, dando una risposta positiva alle richieste del territorio ed attuando nel contempo una norma delle legge di tutela della minoranza slovena che prevede l'estensione dell'educazione bilingue in provincia di Udine.

Nessun commento:

Posta un commento


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *

net parade