15 nov 2013

Mestiere quasi scomparso:il contadino (kmet)

Una volta in val Torre la principale attività era coltivare la terra: tutti sapevano usare la vanga(lopata) per vangare(kopati),la falce(kosa) e il falcetto(srp) per falciare,il rastrello(grabje) per rastrellare.
Gli uomini e le donne avevano le braccia forti e si aiutavano a vicenda.Pregavano per scongiurare la grandine(touča).Portavano tutto sulla schiena nella gerla(koš),nella cesta(koša) e nella zbrincja(gerla per il fieno).In primavera si vangava la terra,si seminava
rape(riepa),cipolla( čebula),aglio(luk),patate(grampier),verze(broskue),mais (sierak),radicchio(lidrik),carote (koronje) ecc.
Nella stalla si allevava la mucca (krava),il maiale nel "cjot"(prasac), le pecore nell' uckar(ovce) e le capre(koze).Si tenevano galline che pascolavano nei prati.Le mucche erano piccole,agilissime,nere e davano poco latte.
La prima mucca è arrivata a Bardo nell'anno 1793 portata al pascolo da una signora di Gemona.Negli anni 50' a Zavarh c'erano più di 300 mucche e due latterie.L'ultima mucca è stata venduta nel 1978.Oggi c'è qualche tentativo di ritornare ai vecchi mestieri con l'allevamento di capre e un paio di mucche,cavalli.
kosa - falce


rabje



Nessun commento:

Posta un commento


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *

avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO