VOTAMI

classifiche

avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

02 ott 2015

Sloveni nascosti dalla Provincia Pokrajina zatajila del Slovencev


1pokrajinaPer celebrare la Giornata europea delle lingue il presidente Pietro Fontanini ha indetto una conferenza stampa invitandovi i rappresentanti delle diverse comunità linguistiche in provincia di Udine. «Tre lingue per una specialità» lo slogan, che è anche il titolo dei tre opuscoli editi dalla Provincia stessa, rispettivamente per «Furlan», «Slovenščina» e «Deutsch». Fontanini nella prefazione specifica che si tratta di «Lingue minoritarie che rappresentano una ricchezza socioculturale e linguistica da non perdere» e propone gli opuscoli come «un ulteriore contributo divulgativo alla conoscenza di questo patrimonio». Si propone la divulgazione degli opuscoli nelle scuole della provincia. Come presidente provinciale della Confederazione delle organizzazioni slovene-SSO, istituzione rappresentativa ufficialmente riconosciuta dalla Regione, non posso esimermi dal rilevare una grave lacuna, che costituisce una presa di posizione di carattere politico nei confronti della comunità che rappresento. Mancano, infatti, tutti i comuni «misti» della Slavia nei quali la comunità slovena è riconosciuta accanto a quella friulana: Prepotto, Torreano, Faedis, Attimis e Nimis. L’«assimilazione-annessione» delle frazioni montane alla maggioranza friulana è considerata dalla Provincia cosa fatta? Non compare per niente Resia, neanche nell’opuscolo friulano. Per la Provincia o, meglio, per il suo presidente, Resia sarebbe un’isola di lingua italiana in mezzo ai tre mondi culturali della nostra specialità? Alla mia richiesta di chiarimenti la risposta evasiva del presidente. «Trattasi di una questione aperta, in discussione». Gli ho ricordato che il comune è compreso, come gli altri cinque non elencati, tra i 18 comuni espressamente citati come territorio storicamente sloveno nelle leggi dello Stato, la 482/1999 e la 38/2001. Si tratta, pertanto, di un atto arbitrario da parte dell’amministrazione provinciale. Non è stata una dimenticanza, ma un atto di «censura» che un’istituzione come la Provincia non può esercitare. Il fatto che questi opuscoli vengano poi distribuiti ai ragazzi delle scuole, a mio avviso costituisce un atto gravemente disinformativo. Per quanto mi riguarda, ritengo che la divulgazione dell’opuscolo riguardante gli sloveni debba essere ritirata e opportunamente integrata. (Riccardo Ruttar)
Nedopustna poteza političnega vodstva Videnske pokrajine, ki je v brošuri o slovenski manjšini namerno izpustilo šest občin v katerih so Slovenci priznani. Gre za Rezijo in štiri mešane furlansko-slovenske občine Ahten, Fojda, Neme, Prapotno in Tavorjana. Pokrajinski predsednik SSO Riccardo Ruttar zahteva, da se brošura popravi preden jo razdelijo v šolah.

1 commento:

  1. Sloveni nascosti dalla Provincia Pokrajina zatajila del Slovencev

    RispondiElimina


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *