30 ott 2015

Rifugiati in Slovenia: legge ed ordine

Rifugiati in Slovenia: legge ed ordine
Rigonce (Slovenia)
foto di Stefano Lusa
La Slovenia sta coordinando l'emergenza profughi come fosse una questione di ordine pubblico e non una catastrofe umanitaria. Una panoramica dal nostro corrispondente
Le cose erano note da tempo. Tutto era pronto nei minimi dettagli. La Slovenia avrebbe accolto 2500 migranti al giorno da alcuni punti stabiliti. Gli arrivi sarebbero stati concordati con Zagabria; poi i migranti sarebbero stati identificati, come impongono le regole di Schengen e infine avrebbero potuto proseguire il loro viaggio verso l’Austria, secondo le modalità che Lubiana avrebbe concordato con Vienna.
Sabato scorso, dopo la chiusura del confine ungherese il sistema è sembrato funzionare benissimo, almeno per qualche ora, ma non c’è voluto molto per precipitare nel caos. Era abbastanza prevedibile che Zagabria, sotto la spinta dei migranti ed in piena campagna elettorale, avrebbe semplicemente continuato a fare quello che già faceva con l’Ungheria, affrettandosi a portare i profughi al confine sloveno. Quando il numero è cominciato a salire e le procedure di entrata in Slovenia hanno iniziato ad allungarsi allora i croati non hanno fatto altro che lasciare i migranti a ridosso della frontiera, indicando loro la strada da percorrere per arrivare nell’area Schengen. Lubiana ha subito protestato veementemente ed ha puntato il dito contro i comportanti “poco europei” degli inaffidabili cugini. 

Regole europee

I croati hanno ironicamente commentato che gli sloveni devono solo seguire il loro esempio, spostando i migranti rapidamente verso l’Austria. Beffardamente hanno anche aggiunto che se non sono capaci di portare la gente fino a Šentilj ci possono pensare direttamente loro. Da Lubiana hanno subito precisato che non intendono mica comportarsi come Zagabria, che ha messo su una specie di agenzia di viaggio, non rispettando quelle stesse regole europee da cui la Slovenia non vuole transigere. L’ossessione per il rispetto delle regole è un po’ nel DNA degli sloveni, ma secondo alcuni viene anche dalla paura, che se non evidenziati adeguatamente all’entrata, i profughi potrebbero venir respinti verso la Slovenia, che poi non avrebbe le pezze d’appoggio necessarie per rimandarli in Croazia. Una cosa di cui nemmeno gli ungheresi, nelle ultime settimane di passaggio dalla Croazia all’Austria, attraverso il loro territorio, sembravano preoccuparsi più di tanto.Per contro dal governo sloveno sono continuati ad arrivare allarmanti segnali sulla presunta intenzione degli austriaci di chiudere la frontiera e di limitare i passaggi. Probabilmente da Vienna ed anche da Berlino qualche pressione sarà stata fatta su Lubiana, ma l’Austria ha smentito gli sloveni precisando che nessuna limitazione al passaggio di profughi è stata posta. Sta di fatto che adesso i migranti hanno fretta, tanta fretta di arrivare. Sentono che qualcosa potrebbe cambiare e non vorrebbero trovarsi bloccati a pochi passi dalla meta.

Ordine pubblico o emergenza?

D’un tratto le forze dell’ordine slovene si sono trovate a dover gestire migliaia di persone che continuano a varcare in massa il confine. I ritmi si fanno di ora in ora più intensi. Tra il gestire la prevedibile emergenza e garantire il pieno rispetto della legge e dell’ordine Lubiana ha scelto la seconda via. In sintesi sta coordinando la situazione come fosse una questione di ordine pubblico e non una catastrofe umanitaria. Tutti fermi, quindi, come accade da giorni a Rigonce, tra la massicciata del treno, una striscia d’asfalto ed i campi di grano, immersi nel fango, anche sotto la pioggia, in attesa di venir portati ai centri per l’identificazione. Uomini, donne e bambini (tanti bambini) bagnati fino al midollo in attesa, per ore, che si liberino le strutture preposte all’accoglienza. Poi la lunga marcia, tutti a piedi, per chilometri e chilometri fino ai centri di raccolta, scortati dai reparti speciali e dalla polizia a cavallo. Foto che hanno fatto il giro del mondo e che oggi sono l’immagine della Slovenia....continua http://www.balcanicaucaso.org/aree/Slovenia/Rifugiati-in-Slovenia-legge-ed-ordine-165242

1 commento:


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *

VOTAMI

classifiche

avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO