VOTAMI

classifiche

avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

02 nov 2015

Stagione ok per il parco Prealpi

A conclusione della stagione estiva, è tempo di bilanci al Parco delle Prealpi Giulie. L’anno 2015 è stato caratterizzato dal conseguimento di importanti obiettivi, culminati nella tanto attesa approvazione del Piano di conservazione e sviluppo. I mesi estivi sono stati anche impiegati nel percorso partecipativo, condotto assieme al Parco nazionale sloveno del Triglav per arrivare all’ottenimento della Carta europea per il turismo sostenibile. Uno strumento concreto per dimostrare quanto le politiche per la conservazione e la valorizzazione dell’ambiente possano essere utili per sostenere processi di sviluppo a favore di tutte la comunità locali. Tra le iniziative più importanti condotte vanno poi evidenziate le attività finalizzate alla tutela della biodiversità congiunta alla promozione del territorio come: la proposta di istituzione della Riserva di Biosfera Mab Unesco, la collaborazione con il progetto Mipp per il monitoraggio di insetti rari, la realizzazione della nuova guida dell’Alta Via del Cai di Moggio Udinese nella Riserva della Val Alba e la rivisitazione del sistema del Marchio di qualità del parco che certifica le aziende e i servizi che rispettano l’ambiente, i valori etici e le tradizioni locali.
Sempre centrali sono risultate le attività di educazione ambientale che hanno riguardato ogni grado dell’istruzione: dalle scuole dell’infanzia alle «Summer school» universitarie. Circa 1.000, infatti, sono stati gli studenti coinvolti attraverso lezioni in classe, accompagnamenti guidati e laboratori didattici. Particolare attenzione viene sempre posta nelle attività svolte con gli alunni delle scuole dei comuni del parco: lezioni specifiche da svolgere con le singole classi ed il progetto «Junior ranger», destinato ai giovani ambasciatori dell’area protetta.
Quasi 350 sono state inoltre le presenze stimate alle escursioni guidate di carattere naturalistico, alpinistico e storico-culturale organizzate dall’Ente parco nelle fine settimana da maggio ad ottobre, che hanno interessato tutti i comuni del Parco. Oltre 300, invece, sono stati gli intervenuti alle presentazioni ad aperture delle mostre organizzate dal Parco. Numerosi sono stati anche i partecipanti alle manifestazioni pubbliche organizzate dall’Ente, prima fra tutte il «Parkfest», l’annuale incontro fra i parchi dell’arco alpino orientale che si svolge a Venzone.
È stato un anno positivo in termini di presenze anche per i punti informativi e le mostre espositive presenti sul territorio dell’area protetta, complici il bel tempo e le numerose opportunità offerte. Ogni appetito è stato soddisfatto: quello artistico, storico e culturale con mostre d’arte, musei e spettacoli folkloristici, mentre per i palati sportivi non c’è stato che l’imbarazzo della scelta tra attività fluviali, escursioni e mountain bike. Solo quest’ultimo settore ha fatto registrate oltre 120 noleggi di biciclette.
Il centro visite a Prato di Resia, sede del Parco, che rappresenta da molti anni un punto di riferimento per la conoscenza dell’area protetta, continua ad essere meta ogni anno di migliaia di visitatori di ogni età e nazione e nel periodo marzo-ottobre 2015 ha visto la presenza di circa 4.500 ospiti, gran parte giornalieri, tra cui ben 600 dall’estero. E proprio per venire incontro all’utenza straniera, quest’anno sono stati realizzati degli interventi di adeguamento della struttura informativa, per una loro fruibilità anche in lingua inglese e slovena, in coerenza con l’ottenimento della certificazione di area protetta transfrontaliera ottenuta congiuntamente con il Parco nazionale sloveno del Triglav.
Ora, all’interno del centro visite i pannelli ed i filmati «parlano, speak, govorijo» del territorio. Questi miglioramenti si rivelano importanti per l’intero sistema di accoglienza, informazione e promozione dell’area protetta regionale. Dopo una breve pausa autunnale il centro visite riaprirà i battenti il 20 dicembre con orario 9.00 – 13.00 e 14.00 – 17.00, ma gli operatori resteranno sempre a disposizione per le visite su prenotazione di gruppi e scolaresche. (Sandro Quaglia)
Parka Julijskih Predalp, ki ima sedež na Rvanci v Reziji je uspešno zaključil sezono 2015. Ob številnih dejavnostih je letos prejel tudi evropsko listino za trajnostni in odgovorni turizem, kar konkretno služi za politiko namenjeno spodbujanju ohranitve in ovrednotenja okolja

1 commento:


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *