VOTAMI

classifiche

avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

04 dic 2015

Un dizionario on line di lingua slovena

da Slovit del 30 novembre 2015


Incontro sulle fonti linguistiche e sugli strumenti on line

 Il gruppo Microsoft pretende che la parola windows non venga declinata. I linguisti addetti alla nostra lingua ed alla preparazione di vocabolari, manuali e altri mezzi per il corretto uso della parola scritta, per il momento non hanno ancora né accettato né respinto questa richiesta. È per questo che non sta ancora scritto da nessuna parte se possiamo declinare le finestre di Bill Gates. Questo è uno fra i problemi che affrontano gli ortografi sloveni. I più difficili sono, infatti, sempre quelli causati dagli imprenditori ossia dalle società o dai raggruppamenti internazionali, che desiderano spiegare agli altri come vada scritto il loro nome o il nome dei loro prodotti. Facendo questo, probabilmente non si rendono conto del fatto che le lingue siano vive e di come qualunque cosa dipenda dalle persone parlanti queste lingue, che ne decidono lo sviluppo futuro. Detta in breve – se qualcuno dirà che vuole o non vuole windows-a, saranno affari suoi e Gates difficilmente potrà convincerlo. La discussione sul magnate americano ha potuto trovare contesto nel laboratorio organizzato dallo Slov.I.K. venerdì pomeriggio nella sala di lettura della Biblioteca Nazionale e degli studi slovena. L’incontro è stato dedicato alla presentazione delle fonti linguistiche on line e degli strumenti a disposizione di tutti per le necessità della comunicazione quotidiana o per altri bisogni. Come emerso dal laboratorio, infatti, su internet è disponibile anche per lo sloveno una variegata offerta di tecnologie linguistiche contemporanee di mezzi che ci palesano come lo sloveno si sia abbastanza trasformato negli ultimi anni. Il dizionario della lingua slovena letteraria (SSKJ) resta, infatti, tuttora un’ottima base, hanno detto Robert Grošelj e Damjan Popič del dipartimento di Traduzione della facoltà di Filosofia dell’Università di Ljubljana/Lubiana, che ha preparato il progetto «Nell’arcobaleno dei dati linguistici – Presentazione delle fonti on line per lo sloveno», presentato ieri a Trieste/Trst in collaborazione con lo Slov.I.K. Tuttavia lo SSKJ non considera molte espressioni apportate alla lingua dai cambiamenti geopolitici degli ultimi 20 anni (la Jugoslavia non c’è più e la Slovenia è diventata membro di nuove alleanze – dalla UE fino all’accordo di Schengen) e dalla nuova tecnologia (soprattutto informatica). Ci arrivano, quindi, in aiuto nuovi strumenti informatici e mezzi, ad iniziare dal corpus gigafida (che consiste, essenzialmente, in un motore di ricerca con una base di dati di 1,2 miliardi di parole) hanno detto Grošelj e Popič, tenendo un corso ed analizzando le norme linguistiche, l’uso e la ricomposizione ed utilizzo degli strumenti online nella ricerca di espressioni corrette. Il corpus consiste in una raccolta di testi autentici, accessibile in formato elettronico e dotata di strumenti che rendono possibile la ricerca di diversi dati sulla lingua. Tramite i corpus, gigafida e le altre fonti on line di lingua slovena, si vuole giungere ad elaborare un dizionario on line di lingua slovena, che in Slovenia non esiste ancora.
Aljoša Gašperlin (Primorski dnevnik, 29. 11. 2015)
http://www.dom.it/wp-content/uploads/2015/12/Slovit-novembre-2015.pdf

1 commento:


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *