avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

VOTAMI

classifiche

saluti

saluti
lingue parlate in fvg

02 apr 2017

2. svetovna vojna v stripu - La 2ª guerra mondiale a fumetti (46)

Lieta 1945  je končala druga svetovna vojska. Kar se je pred njo, med njo in po nji gajalo v Benečiji, je lazajnski famoštar g. Antonio Cuffolo (1889-1959) napisu v dnevnikah po slovensko in po italijansko. V drugi pregledani in dopunjeni izadaji, ki jo je urediu Giorgio Banchig, sta izšla par zadrugi Most lieta 2013.  Moreno Tomasetig je slovenski Cuffolu dnevnik spravu v strip , ki ga  v beneškoslovenskem dialektu obljavljamo v vsaki številki Doma. To je 46. nadaljevanje.
Nel 70° della fine della seconda guerra mondiale (1945), Moreno Tomasetig ha trasformato in fumetto i diari del parroco di Lasiz, don Antonio Cuffolo (1889-1959). In questa puntata.  Il 2 dicembre 1944 i partigiani della «Beneška četa» fanno chiudere i municipi da Resia a Prepotto. I repubblichini imprigionano a Udine i maschi di Lasiz, accusandoli di essere terribili partigiani. Il sacerdote si reca a Udine a intercedere per loro. Non possono ricevere nemmeno i generi di prima necessità portati loro dai familiari. Le guardie pretendono tangenti e poi… mangiano il cibo destinato ai prigionieri. L’8 dicembre  i nazifascisti effettuano un rastrellamento di partigiani sopra Torreano, a Spignon, Brischis e Pulfero. Il 10 dicembre i tedeschi sono a fare razzie a Cicigolis e Lasiz; arresatano otto giovani. Il 13 dicembre ecco i cosacchi del Sud della Russia. Perché anticomunisti hanno seguito i tedeschi, che hanno loro assegnato quale nuova terra la Carnia. Hanno fama di essere ladri e di insidiare le donne. In valle però si comportano bene.  (46 – continua)

3 commenti:

  1. La 2ª guerra mondiale a fumetti

    RispondiElimina
  2. Cara Olga, come è amaro ricordare questi tragici eventi!!!
    Ciao e buona domenica cara amica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *

net parade