Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2018

“Con + lingue si cresce meglio”, giovedì 31 maggio a S. Pietro un incontro sulle opportunità dell’educazione plurilingue

Immagine
Il progetto LINGUA +, realizzato dall’associazione di promozione sociale e culturale KLARIS con il sostegno della Regione e con la collaborazione e il patrocinio di diverse istituzioni ed entità pubbliche e private, fa tappa a San Pietro al Natisone. L’appuntamento è per domani, giovedì 31 maggio, alle 19.30 allo Slovenski kulturni dom, sede dell’Istituto per la cultura slovena, dove si terrà l’incontro formativo e informativo dal titolo “Znanje več jezikov nas bogati / Cun + lenghis si ven sù miôr / Con + lingue si cresce meglio ”, dedicato all’educazione plurilingue e alla diversità linguistica nelle sue diverse dimensioni, come ricchezza, come diritto e come opportunità. Si confronteranno su questi argomenti, tra principi e indirizzi teorici ed esperienze pratiche di successo, Živa Gruden, già dirigente della Scuola bilingue di San Pietro al Natisone, Patrizia Pavatti, dirigente del Convitto nazionale ‘Paolo Diacono’ di Cividale del Friuli, William Cisilino, direttore dell’ARLe

Il Manoscritto di Castelmonte

Immagine
Manoscritto di Castelmonte (Starogorski Rokopis  in sloveno) è uno dei più antichi documenti,fino a noi pervenuti,scritto in lingua slovena.Fu compilato alla fine del  XV secolo  ( 1492 - 1498 ) con il testo delle preghiere del Pater Noster, dell'Ave Maria e del Credo. EPOCA Il manoscritto fu redatto presso il  Santuario della Beata Vergine di Castelmonte , situato nelle vicinanze di  Cividale del Friuli , tra il  1492  ed il  1498  da Lorenzo da Mernicco (Laurentius vicario di Mirnik). Il periodo corrisponde a quello in cui l'idioma sloveno, fino ad allora prettamente orale, cominciava a sviluppare le regole per dotarsi anche di una forma grafica. CONTENUTO  Il  manoscritto , composto da due fogli, contiene le principali preghiere del   Cristianesimo   e precisamente il   Padre Nostro , l' Ave Maria   ed il   Credo . Nel testo sono presenti caratteristiche peculiari delle parlate della   Carniola , del   Carso   interno e della   Slavia Veneta . Insieme al

Turismo sloveno 2017: 12,6 milioni di pernottamenti e quasi cinque milioni di arrivi

Immagine
L’Ufficio di statistica statale sloveno ha reso noti i dati ufficali e completi registrati l’anno scorso dal settore turistico sloveno. Per la prima volta il numero di pernottamenti ha superato la soglia dei 12 milioni arrivando fino a 12,6 milioni, segnando un aumento del 13% rispetto al 2016. In crescita, del 15%, anche gli arrivi che hanno raggiunto quota 4,95 milioni. In base al numero dei pernottamenti effettuati dai turisti provenienti dall’estero, i mercati principali sono stati quello italiano (14%), tedesco (12%) e austriaco (11%). In totale erano a disposizione, nelle diverse strutture ricettive, quasi 135 mila posti letto. http://novimatajur.it/attualita/turismo-sloveno-2017-126-milioni-di-pernottamenti-e-quasi-cinque-milioni-di-arrivi.html

IVAN CANKAR centenario della morte

Immagine
10 maggio 1876/ 11 dicembre1918)  Quest'anno ricorre il centenario della morte di Ivan Cankar importante scrittore e poeta sloveno.Per questa ricorrenza molte istituzioni slovene in Italia hanno programmato degli eventi speciali. Cankar  ‹ zà ṅ -›,  Ivan . -  Scrittore sloveno (Vrhnika  1876  -  Lubiana   1918 ). Condusse una misera esistenza; come scrittore lottò contro quel che gli pareva la grettezza piccolo-borghese dei suoi compatrioti e per un ideale di giustizia sociale e di bellezza (il racconto  Hlapec Jernej in njegova pravica  "Il servo J. e il suo diritto",  1907 ; il dramma  Lepa Vida  "La bella V.",  1912 ). Superate le iniziali posizioni naturalistiche e satiriche, si andò raffinando in un soggettivismo simbolico ( Podobe iz sanj  "Immagini dai sogni",  1917 ). da  http://www.treccani.it/enciclopedia/ivan-cankar/ Cankar e le storie di animali di Maria Bidovec   LA CIVETTA  Era di sabato pomeriggio. Il sagrestano e il ch

1° “Giornata mondiale delle api”

Immagine
  2_euro_commemorativo_slovenia_2018_api.jpg  da www.numismatica-visual.es autore BCE "1° “Giornata mondiale delle api” autore Mihael Simonic da  https://www.wikiwand.com/sl/Kranjska_%C4%8Debela Su iniziativa della Slovenia quest’anno, il 20 maggio, per la prima volta al mondo, è stata celebrata la” Giornata mondiale delle api”. Prima questa era solo la festa slovena degli apicoltori (il 20 maggio 1734 nacque il primo maestro dell’apicoltura nel mondo, Anton Janša), e lo scorso dicembre la proposta della Slovenia è stata finalmente confermata dalle Nazioni Unite.L’obiettivo di questa iniziativa è di ricordare almeno una volta all’anno l’importanza di api e impollinatori e fermare il comportamento insensato di distruzione di queste specie e quindi l’intera catena della vita nel mondo.  Senza api, non ci sarà cibo, un terzo del cibo mondiale e quasi due terzi di frutta dipendono dalle api impollinatrici.   Inoltre, le api contribuiscono anche al fatto che il nostro

Svetovni dan čebel: v Sloveniji je okrog deset tisoč čebelarjev -

Immagine
https://www.wikiwand.com/it/Apis Na pobudo Slovenije letos 20. maja prvič po vsem svetu praznujemo sv etovni dan čebel. Pred tem je bil to samo slovenski praznik čebelarjev (na ta dan se je namreč leta 1734 rodil prvi učitelj čebelarstva na svetu Anton Janša), lani decembra pa so predlog Slovenije dokončno potrdili v Združenih narodih. Cilj te pobude je, kot je za Delo povedal predsednik slovenske čebelarske zveze Boštjan Noč, ki je bil pred tremi leti prvi predlagatelj svetovnega dne, posvečenega čebelam, “da se bomo najmanj enkrat na leto spomnili pomena čebel in drugih opraševalcev, predvsem pa pogledali vase, da bomo prenehali z nespametnim ravnanjem uničevati čebele in druge opraševalce ter s tem celotno verigo življenja na svetu.” Brez čebel namreč hrane ne bo, opozarja Noč in dodaja, da je prav od opraševanja, ki ga opravljajo čebele, odvisna tretjina svetovne hrane in skoraj dve tretjini sadja. Poleg tega pa čebele prispevajo tudi k temu, da ostaja naš planet cvetoč in ze

Il Bacio delle croci a Monteaperta/Viškorša

Immagine
Domenica 27 maggio, alle ore 15.00 foto di Jean_Marc Pascolo Domenica 27 maggio, alle ore 15, a Monteaperta sarà ripetuto nel santuario dedicato alla Trinità, proprio nel giorno della sua festa liturgica l’antico rito del Bacio delle croci – Poljubljanje križev. La celebrazione sarà guidata dall’archivista e bibliotecario arcivescovile, mons. Sandro Piussi, assieme al vicario foraneo di Nimis, mons. Rizieri De Tina. Dopo il «bacio» con il quale le croci delle valli del Cornappo e del Torre si snoderà la processione attorno alla chiesa. Seguirà la celebrazione eucaristica. La festa prenderà avvio alle 11 con la Messa celebrata dal parroco don Vittorino Ghenda. Anche quest’anno al «Bacio» non parteciperanno le croci delle chiese della valle dell’Isonzo che fino ad un decennio fa convenivano numerose.

Petit onze:"corubin-sorbo"

Immagine
corubin, v prekrasni Terski dolini pod visokem Muzcu cveti z belemi rožami

Dialetto resiano - Rośajanski langač o rośajanskë lengač)

Immagine
testo in sloveno e immagine da  http://www.feniks-narava.si/primorska-narecja/

Ovunque entrambe le lingue

Immagine
IL COMMENTO Il caso di Cividale (indipendentemente se si sia trattato di un errore o no) fa scuola e dimostra la confusione che regna in tema di carte d’identità (bilingui e monolingui). La cosa più normale sarebbe che in tutti i 32 comuni inseriti nel territorio di tutela venissero emesse solo carte d’identità bilingui, il che non succede, dal momento che i documenti italo-sloveni vengono emessi su richiesta dei cittadini. «Il peccato originale» è rappresentato dal decreto del 2002 dell’allora ministro dell’Interno Claudio Scajola, che ha soppresso unilateralmente i documenti bilingui obbligatori a Duino-Aurisina/Devin-Nabrežina, San Dorligo della Valle-Dolina, Sgonico-Zgonik e Monrupino-Repentabor e nel contempo ha reso possibile la cosiddetta scelta facoltativa delle carte d’identità. Nessun governo di centrosinistra ha mai soppresso o modificato il decreto Scajola, nonostante avesse potuto e dovuto farlo. In merito all’emissione delle carte d’identità bilingui è stato fatto ta

La qualità della vita non dipende (solo) dal reddito

Immagine
La Benecia inchiodata agli ultimi posti della classifica dell’imponibile medio dichiarato È solo una coincidenza? Non credo. I dati diffusi sulla geografia dell’Irpef – che, si sa, raccontano solo una parte della realtà e che anzi rischiano di portare a letture fuorvianti – lasciano ancora una volta senza parole. Certe tendenze sembrano essersi consolidate, prospettando ulteriori squilibri sul territorio e nella società: i ricchi amano vivere in collina, lontano da traffico e inquinamento, magari in una posizione che gode di un bel panorama (la cosiddetta «migrazione» alla ricerca di «amenity», per es. verso Moruzzo e Repentabor), mentre gli anziani sembrano restare intrappolati in aree marginali che tendono a svuotarsi di umanità e di servizi; e i giovani «emigrano» all’estero alla ricerca di opportunità. In genere è evidente una crisi del ceto medio e una situazione di «non crescita», di stagnazione, che investe tutti i settori di un’economia «matura», che dimostra un’incapacità

Web sul blog: Giornata internazionale della diversità culturale ...

Web sul blog: Giornata internazionale della diversità culturale ... : Oggi è la Giornata internazionale della diversità culturale per il dialogo e lo sviluppo. Un po' troppo spesso, assistiamo a giudiz...

Tersko narečje - dialetto Alta Val Torre

Immagine
immagini e testo in sloveno da  http://www.feniks-narava.si/primorska-narecja/

Il Nediško

Immagine
immagine e testo da  http://www.feniks-narava.si/primorska-narecja/ traduzione in italiano fatta da ot

Quando Resia era feudo di Moggio - Ko je Rezija spadala pod Možnico

Immagine
Chi viene dalla pianura veneto-friulana e percorre una delle sue vie di comunicazione che collegano il Friuli all’Austria e alla Slovenia (strada statale 13, autostrada A23 o ferrovia), a circa sette chilometri dalla confluenza del torrente Fella e del fiume Tagliamento, nel tratto in cui il primo lambisce l’antica arteria stradale Pontebbana (con inizio a Mestre e termine a Coccau), incontra l’inizio del Canal del Ferro. Questa valle, dove le montagne sembrano toccarsi formando uno stretto canale, divide le Prealpi Carniche dalle Giulie e conduce in Val Canale e oltre le Alpi. L’edificio che maggiormente rappresenta e custodisce la storia di questi luoghi, e in particolare della Val Resia, che faceva parte del suo feudo, è l’antica abbazia di San Gallo, a Moggio Udinese. Il colle abbaziale costituisce uno dei balconi panoramici più suggestivi di tutto il canale e ben evidenzia il potere feudale rappresentato dalla potente istituzione lì insediata circa mille anni fa. La stra

GEO nelle Valli del Natisone/Nediške doline

Immagine
giovedì 17 maggio '18 a GEO su Rai3 https://www.raiplay.it/video/2018/01/Cammino-celeste-a68da1f6-b703-4c27-ad28-ce7eb9417e17.html Camminando camminando per gli splendidi boschi della sua zona,  Fabio Codromaz  ha sviluppato una grande passione per le erbe spontanee, che utilizza in cucina con ottimi risultati. Se lo andrete a trovare nella Locanda che gestisce a San Leonardo (frazione Iainich), provincia di Udine, potrete gustare i suoi ottimi GNOCCHI ALLE ORTICHE e la MINESTRA ALL’AGLIO ORSINO! Intanto, ecco le ricette da copiare… GNOCCHI ALLE ORTICHE Per 4 persone Per gli gnocchi: 300 g cime di ortiche 300 g patate 150 g farina 1 uovo q.b. sale Per condire: 50 g burro 50 g parmigiano grattugiato q.b. foglie di salvia q.b. ricotta affumicata Lavate le ortiche, lessatele in pochissima acqua salata, scolatele, strizzatele e tritatele finemente. Lessate le patate a vapore, passatele allo schiacciapatate, facendole cadere sulla farina disposta a fontana, salate unite l’u