Ne spreglejte Doma 15. septembra - Uscito il Dom del 15 settembre


V izdaji z dne 15. septembra, petnajstdnevnik Dom postavlja v ospredje začetek šolskega leta. Tako piše: “V četrtek, 12. septembra, bodo otroci spet napolnili učilnice. Znatno manj jih bo v vrtcih. Kar 21 manj v Nediških dolinah. Večstopenjsko dvojezično šolo bo obiskovalo vse skupaj 284 učencev. V Kanalski dolini bodo poskusni trijezični pouk uvedeli tudi v Žabnicah in na Trbižu”. Dom objavlja koliko otrok bo v vsaki posamezni šoli na področju, kjer je v videnski pokrajini prisotna slovenska manjšina in izpostavlja napore, da bi bilo čimveč učencev deležnih pouka slovenščine. Uvodnik je posvečen novi italijanski vladi. “Za sada je pozitivno, de je v programu nove koalicije napisano, de je trieba »zagotoviti spoštovanje jezikovnih manjšin«. Slovenci v Italiji se troštamo, de tuole pride reč’ tudi, de bo spet na notranjem ministerstvu dielalo omizje za slovensko manjšino, ki ga stara vlada nie nikoli sklicala, in bo pregledalo vse odparte probleme naše skupnosti. Na posebno vižo pa se parčakujemo, de bo riešeno vprašanje garantiranega slovenskega predstavnika v obeh domovih parlamenta, takuo ki določa leč 38/01, ki varje slovenski jezik,” poudarja. V pogovoru, predsednica Zveze slovenske katoliške prosvete Franka Padovan, spominja, da so k Zvezi pristopila tudi društva iz videnske pokrajine in obžaluje, da “žal od Dežele Furlanije Julijske krajine nismo dobili povratne oziroma finančne pomoči. Tako bi lahko tudi v videnski pokrajini ustanovili en majhen urad, kjer naj bi bila ena oseba, seveda, ne s polnim urnikom, s polovičnim urnikom. Ta bi sledila bolj od pobliže delovanju.” Ob gorskem prazniku na Matajurju je zadruga Most uspešno predstavila svojo novo knjigo “Živiet na planinah”. Avtorica Luisa Battistig je povedala: “Izraziti se v našem narečju, v mojem maternem jeziku, je to, kar mi je najbolj všeč, to kar mi je pisano na kožo. V tej knjigi sem opisala kakšno je bilo moje življenje tukaj na Matajurju, potem sem dodala tudi pravljico iz moje fantazije pod naslovan Rožinca, ker meni so zelo všeč rože in 15. vošta je biu edini dan, ko sem se varnila domov s planine in v vasi je bil ta veliki praznik.” V pogovoru, ki je nastal ob obisku italijanske skupnosti iz Pirana v Špietru, poslanec italijanske manjšine v Državnem zboru RS Felice Žiža zagovarja zahtevo po zajemačenem zastopstu za Slovence v italijanskem parlamentu. “Gre za politično zadevo, ki smo jo že večkrat obravnavali s krovnima organizacijama slovenske manjšine. Zelo pomembno je, da si pomagamo, tako da bo tudi slovenska narodna skupnost v Italiji dobila sedež v italijanskem Parlamentu in v Deželi Fjk, kajti ko imaš zagotovljen sedež lahko zastopaš tolko boljše interese svoje skupnosti. S tem v zvezi pridobivaš na ravni vzdrževanja in izboljšanja pravic in samega političnega položaja,” poudarja.


Nell’edizione del 15 settembre, il quindicinale Dom pone in primo piano l’inizio del nuovo anno scolastico. Come di consueto, in questa occasione viene pubblicato il numero degli alunni nelle scuole dell’obbligo in tutto il territorio della provincia di Udine, nel quale è riconosciuta la minoranza slovena. Il dato che balza all’occhio è il perdurante calo dei bambini nella scuola dell’infanzia. Nelle Valli del Natisone sono 21 i piccoli in meno rispetto allo scorso anno scolastico. In tre anni il numero si è ridotto addirittura del quaranta per cento, a testimonianza della drammatica crisi demografica. La riduzione colpisce anche l’asilo dell’Istituto comprensivo statale con insegnamento bilingue sloveno-italiano, che però vanta cifre in positivo sia per la primaria che per la secondaria di primo grado. Il «Paolo Petricig», che sarà frequentato da 284 allievi. L’editoriale è dedicato alle attese della comunità slovena rispetto al nuovo governo, prima fra tutte l’esigenza di seggi garantiti per la comunità slovena nelle due Camere. La richiesta è sostenuta anche dal deputato della minoranza italiana nel parlamento sloveno, Felice Žiža, intervistato dal Dom in occasione della visita della comunità italiana di Pirano al museo multimediale Smo a San Pietro al Natisone. In prima pagina è pubblicato anche un commento di Riccardo Ruttar, sulla morte del paese di Uccea, nel quale negli anni Settanta fu maestro. Allora contava ancora 120 abitanti, dei 400 che si contavano al termine della seconda guerra mondiale. “Il destino di Uccea/Učja – chiamiamo così questa sua prevedibile parabola storica – si è compiuto. Rimane un ricordo e il rimpianto constatando che per prime ad abbandonarlo sono state le pubbliche istituzioni. Uno dei luoghi della nostra storia, emblema di tanti altri nostri paesini su cui incombe la stessa sorte. E questo mio scritto non è che uno sconsolato De profundis col cuore affranto per il probabile analogo destino di molti paesi delle mie Valli slovene”, commenta Ruttar. Nella pagina sportiva in apertura c’è una polemica. “A i calciatori delle valli del Natisone e del Torre, di Resia e della Valcanale non è garantita la possibilità di partecipare ai Campionati europei delle minoranze linguistiche che si svolgeranno dal 20 al 28 giugno 2020. La Federazione italiana gioco calcio ha, infatti, chiuso le porte della rappresentativa della minoranza slovena in Italia agli atleti che non militano in formazioni espressione della minoranza slovena. E in provincia di Udine tali squadre non ce ne sono. L’esclusione viene considerata un’ingiustizia da Alessio Codromaz di San Pietro al Natisone, 25 anni, difensore, che all’europeo ci tiene a partecipare, eccome. Ma è in forza al Brian Lignano (già Brian Precenicco fino allo scorso campionato di Eccellenza), dunque una squadra non della minoranza. Lui però della comunità slovena si sente parte. Sarebbe come escludere dalla nazionale azzurra un calciatore italiano che milita in un campionato estero”.

Commenti

Posta un commento


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *

Post popolari in questo blog

Come disinfettare le mascherine usate - Koronavirus, tako razkužimo maske

La palestra di arrampicata a San Leonardo

In onda sulla giusta frequenza