Tavoli tecnici per più collaborazione tra Friuli-Venezia Giulia e Slovenia


Incontro tra l’assessore regionale alle Attività produttive, Sergio Bini, e il ministro per lo Sviluppo economico della Repubblica di Slovenia, Zdravko Počivalšek, all’Unione regionale economica slovena-Sdgz «A settembre prenderanno il via i tavoli tecnici tra Friuli-Venezia Giulia e Slovenia per rafforzare la collaborazione economica tra la nostra Regione e la vicina Repubblica, al fine di raggiungere obiettivi comuni in particolare nei campi del turismo e del rafforzamento del tessuto produttivo». Ad annunciarlo è stato l’assessore regionale alle Attività produttive e turismo, Sergio Emidio Bini, al termine dell’incontro bilaterale tra la delegazione della Repubblica di Slovenia guidata dal ministro per lo Sviluppo economico e tecnologia, Zdravko Počivalšek, e quella del Friuli-Venezia Giulia, svoltosi a Trieste nella sede dell’Unione regionale economica slovena-Slovensko deželno gospodarsko združenje (Ures-Sdgz). Nel corso del meeting sono stati affrontati numerosi argomenti, a partire dalle attività congiunte che Fvg e Slovenia possono mettere in campo a supporto delle imprese per favorire l’internazionalizzazione e le esportazioni verso nuovi mercati, anche al di fuori dell’Unione europea, grazie a partnership tra Finest e l’Agenzia nazionale per l’internazionalizzazione e gli investimenti esteri (Spirit) della Slovenia. Tra i temi discussi da Bini e Počivalšek, oltre alla programmazione europea, la preparazione di progetti comuni per la rivitalizzazione del comprensorio sciistico del monte Canin e di attività in vista di Esof 2020 e della candidatura di Nova Gorica-Gorizia a Capitale europea della cultura 2025 e la creazione di una piattaforma comune Fvg-Slovenia per lo sviluppo delle aree di confine svantaggiate, come le valli del Natisone e la zona di Resia. L’assessore ha evidenziato che «oggi sono stati discussi numerosi temi di grande importanza con un approccio estremamente pragmatico partendo dalle caratteristiche che accomunano il Friuli-Venezia Giulia e la Slovenia. La Giunta punta ad accelerare i processi di condivisione con le realtà confinanti perché la collaborazione è uno strumento efficace per consentire al tessuto produttivo, costituito per lo più da piccole e medie imprese, di mettere le proprie capacità e peculiarità a fattore comune, fare massa critica e approdare ai nuovi mercati emergenti». Soddisfazione è stata espressa anche dal ministro Počivalšek che, oltre ad evidenziato l’approssimarsi della presidenza slovena al Consiglio europeo, ha  rimarcato la presenza di molti punti in comune tra le realtà del Friuli-Venezia Giulia e quelle slovene e sottolineato l’elevato valore dell’interscambio commerciale e degli investimenti tra Italia e Slovenia. Bini, ringraziando il presidente dell’Ures, Robert Frandolič, per avere organizzato l’incontro odierno, ha quindi rimarcato che «a breve verrà firmato un accordo di collaborazione tra Fvg e Veneto, che garantirà ricadute positive per il turismo e l’economia e ritengo fattibile che nel prossimo futuro accordi simili possano essere attuati anche con la Slovenia». (www.regione.fvg.it, 12. 7. 2019)
dall'ultimo SLOVIT

Commenti

  1. Tavoli tecnici per più collaborazione tra Friuli-Venezia Giulia e Slovenia

    RispondiElimina

Posta un commento


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *

Post popolari in questo blog

ARTE VACANZA 7° EDIZIONE" di ACQUERELLO, FOTOGRAFIA, PERCUSSIONI, PITTURA, SCULTURA, ATELIER TEATRALE E DANZA

Come disinfettare le mascherine usate - Koronavirus, tako razkužimo maske

La palestra di arrampicata a San Leonardo