19 ago 2018

Parabola del Figliol prodigo


Capitolo XV del Santo S. Luca

 (11) Un certo uomo aveva due figli. (12) Il più giovane tra questi disse: “Padre, dammi la parte di eredità che mi spetta”. (13) E divise tra loro l’eredità. E poco dopo si radunò tutta la famiglia. Il figlio più giovane si recò in un paese lontano, e lì consumò tutta la sua proprietà conducendo una vita lussuriosa. (14) Dopo che ebbe consumato tutta la sua proprietà, in quel paese si verificò una grande carestia. Egli cominciò a patire una grande povertà. (15) [Allora] andò e fu costretto a mettersi a servizio di un signore [che viveva] nel paese; e questo signore lo mandò in un villaggio per andare a pascolare i porci. (16) Desiderava potersi saziare del frutto delle querce che mangiano i porci, ma nessuno voleva avere pietà di lui e dargliene. (17) [Allora] ritornò in sé e disse: “Quanto pane avanza ai salariati di mio padre, e io qui muoio di fame”. (18) Si levò da dov’era e disse: “Padre, ho peccato contro il cielo e contro di te, (19) io non sono più degno di essere chiamato tuo figlio. Fammi tuo servitore”. (20) E si levò e andò da suo padre. Era ancora lonatno, che suo padre improvvisamente lo vide. Ebbe misericordia e lo abbracciò [?] e lo baciò. (21) E il figlio disse a padre: “Padre,

[p. 122]

ho peccato contro il cielo e contro di te, io non sono più degno di essere chiamato tuo figlio”. (22) Il padre disse ai suoi servi: “Presto, portate qui l’abito più bello e fateglielo indossare”. E gli mise un anello al dito della mano e delle calze ai piedi, e ordinò (23) “Portate un vitello bello grasso, ché vogliamo banchettare e fare festa: (24) poiché questo mio figlio era morto e vive di nuovo, ed è stato trovato”. Cominciarono a banchettare. (25) Suo figlio più vecchio era nei campi: arrivò a casa e sentì questa festa, questa allegria. (26) Chiamò un servo e gli chiese cosa era quella allegria. (27) Egli rispose: “E’ giunto tuo fratello e tuo padre ha fatto uccidere un vitello grasso perché ha potuto riaverlo”. (29) Ma lui rispose e disse a suo padre: “Io ti servo da tanto tempo senza mai dirti “Non ti obbedisco” e non mi hai mai dato [neanche] un capretto per poter far festa con i miei amici. (30) Ma dopo che tuo figlio si è consumato tutta la sua parte [di eredità] con le prostitute, è arrivato e tu hai ucciso un vitello”. (31) Gli rispose: “Figlio mio, tu sei sempre con me. Tutti i miei averi [?] andranno a te (32) Era opportuno fare festa poiché tuo fratello, che era morto, è stato ritrovato”.

I dialetti sloveni del Friuli tra periferia e contatto 
Udine: Società Filologica Friulana, 2002

pp. 120-122Parabula Uot Itoga Sinu Prodiga (1)

Capitul XV Svetaga S. Luca
 (11) Din cert mus an mese dua sinu. (12) Te mlaisi tami sema an je recal: «Uogia, daimi to porcion uot facoltadi, chir mi gre». (13) An je sdelil tami sema gnaga facoltat. Anu mala dopo, sa ie spravila sa fameja. Te malaisi sin an se ie nesal tau din dalesgni pais, anu itu an ie consumal usò gnagha roubo dilaiog nò vito lusorius. (14) Dopo car an ie consumal uso gnagha roubo, iesuccedenala tou tin paise na vilica giaristia. Se an je pozel provat no vilico potribo. (15) An ie sal, anu an ie mel trobe itit sarviat nagha guspodina tau tin paijse; anu isè guspodin an je gha poslal tau no vas, sa udit ghanat prasce. (16) An bramase moret se naiest uot taga lisnica vot doba, car iedo prasci, anu nisgi se tese smilit mu dat pa te spese. (17) An se je opomonul not g nagn [uot gnaga - RB], an ie recal: «Tilica crua uostaie tin deleucen miga uogie, anu ia sde ia se gubin sa lacato». (18) Ustal an ie uot tagha mesta, an ie recal: «Uogia, ia si offindinal nebe voas, (19) ia nisi vig degn bit clizan tuvoi sin. Sdeleime tiviga fameia». (20) Anu an ie stual anu sal tah gnagha ugi. An bese sgie dalez, car gnagha uogia gha ie negledal [nagledal - RB]. An je mel misericordio, an gha je votil nu gha busnul. (21) An

[p. 121]

sin je recal uogij: «Uogia, ja si grisil cuntra nebu anu contra tebe, ia nisi vig degn bit clizan tuvoi sin». (22) Uogia je recal gnaga famejen: «Napret parnisijta te najlipsi abit, anu ublicitaga». An mu je gial parsten tana perst vot roche anu ’laze tana noge, anu an je quasal: (23) «Parnisijta no dobre tulste tale, car tiemo pastuat anu stat legri: (24) pochei se moi sin bese martou anu an spe sivi, anu an je se trofil». Ni so pozali pastuat. (25) Gnaga sin te staraisi an bese tau poje: an je parsel tah hisi, an je zul so fiesto, anu so legrio. (26) An je clizal nogha fameja, an je gha uprasal, coi so se legrie. (27) Se je rispondal: «Je dusil tuvoi brater, anu tuvoi uogia se bul no tale tulste, char an je mogal spet uodagnat». (29) Ma uon an je rispondal anu je recal gnagha uogij: «Ja te servian ot tilico timpa, senze mai ti rigit ‘Ia te ni bogan’, anu mai ti mi nisi dal naga cusligia sa moret se gioudinat s memi amighen. (30) Ma dopo car tuoi sin se consumal usognagha part sas curbi, an je dusil, anu ti si bul no tale». (31) An je rispondal: «Moi sin, ti si simpri s mlu. Suicisto muij removi tobe grejo. (32) To bese boje convenient gioudinat, pochei tuvoi brater, car bese muar, an je se spe trofil».

18 ago 2018

BLOG IN LUTTO



  • 38 morti
  • 15 feriti (9 codice rosso)
  • 5 dispersi
  • per ora 580 sfollati ,60 hanno potuto rientrare nella propria casa
  • oggi alle 11.00 funerali di stato per 18 vittime,le altre hanno deciso di fare la cerimonia in privato

dal Piccolo di Trieste
Sono lievemente migliorate le condizioni di Rita Giancristofaro, la 41enne rimasta gravemente ferita nel crollo del ponte Morandi. Poco fa è stata risvegliata ed estubata. «E' cosciente di ciò che le accade attorno»...

I due triestini Rita Giancristofaro e il compagno Federico Cerne, 34anni, massofisioterapista dell'Alma, sono sopravissuti al volo di circa 50 metri dal viadotto a bordo della loro Golf blu. Sono sopravvissuti. I loro nomi sono finiti cioè nella lunga lista dei feriti, non nell’elenco delle vittime. Entrambi sono però ancora ricoverati in ospedale, politraumatizzati, in due strutture diverse. Lui sta migliorando di giorno in giorno, lei purtroppo non è ancora fuori pericolo: le sue condizioni restano gravi.

16 ago 2018

La Duiacesa racconto in resiano con traduzione

DORINA DI LENARDO

 Tau ti stari timpa, ko sde u Resii bila makoi tu nu sde na isciza anu tas te gosdé so stali duiacavi nu duiacesse, bil se naredil din fat chi an se pravil lite nu lite dopo.
 Onde dua mlada, muš anu sana, to bilu sclò kopat tau uilasej goro sa Urbiaze anu to melu sa gnimi pa no male tau povaiù. Uonà pulila to male tau peste, anu uon scil ta sa gnu sis impresti anu sibilizo tana Korbi.
 Prit ki se giat Kopat, mati dala puš tu mu malamu, anu tadii na ga napoiala spat nutuu sibilizo, tapod din uorej, tau sinzo.
 Sa intantis, tauneu gosgnimu potocu, duiacessa gledala utosna. Na mela pa uonà no male, ma gni to bilo bulnu, to bilo bassanu scul po usin suotè anu to ni melu farcize pa vić sa iocat. Duiacessa na si ciula da to male će i umurit anu na bila dišpirana. Na ma bi bila jedla kei, forci cac coran chi na ni misce iest, anu scusa mlicu na bila risvalagnala to male.
 Tadii usè na din bot, na se dizidinala, na usela uotrocà anu na duriavala duitit ta ti sibilizi. Na popadla to male chi spalu, na giala nutur gnì to bulne anu na io dala naset tei vitar. To male bulne chi to se ciulu sapusćiano, to se gialu uriscat, tadei mati, ta chi bila tau gnivi, na spustila lopato anu na se naviala videt da co ma te mali. Co na vidala da co iè tau sibili, na se giala uriuvet, nu si tesat lasse. So itti paršli pa usì ti iudi chi so copali tas Poie, ma du mogal i pomagat chei, boghi gnei!
 Alore ni ciuiaio da to upie us te patoche:
 to chi ioce, to ie mo! To chi ni ioce, to ni mo! Dirsisi to sculiave anu ia to lipe.
 Alore usì so capili da duiacessa bila sminila uotrochè.
 Bo ti stari, ti chi so vedali dulgo uocu duiaces, da cacu ni dilaio, da cacu ni si io misliio, ni so riclì tau te boga dua mlada:
 Gnan mata si dat coi dobrè! Na uan ni uracia uotroca, sin chi na ni bo vidala da gnì ie uosćiapal.
 Alore to naslo duiachicia do isci, anu nu malu sis travi, nu malu sis ti pravin mlicon, an pocel itit na boie anu nu malu po botu an uosciapal.


[p. 6] 

 To bilu vis no lipe to male duiacessu sis ni zaffaroni, macoi chi to bilu duì: to iedlu coi sis rocami, to ni telu bit scessanu, to ni telu bit umuitu anu to udilu spat nutus din pepel. Ce ni so scleli, to fucalu tei tuze anu to pa grislu.
 So bile prislè dwa lete, anu duiacessa ni tela se pocasat.
 Ce na ni paraia, to pride ricit da naš te mali busaz bo umuir sa mrason uo sa lacato tas te gosdè.” na giala ta boga mati chi na mela rudi itù pinsir.
 Sin chi no nuc ta lete, no nuc cence lune, ni ciuiaio da to upie ta suna:
 Sgangasgo! Smamo smo!
 Te dua mlada to se ielu gledat smlidu tei dvi buli, anu to male to bilu usdiǧnulu glauo, anu to puslusalu svaianu, nu gledalu tau dure.
 Sgongo!! Ciuffarcizu smo!!” to spet saupuilu.
 Alore to male, to viscucilu us pepala, to naredilu ta po isci usè no samo farado, to vilatlo dure anu to slo nu upuilu:
 Sgarangangai! Sgarangangai! Sgarangangai!
 Napre dopo to bilu usè cidin, sa ciulu macoi grighicie grighiciat.
 Na si paslà ga po, anu gnan soua vis sama!” recal te bog muš, anu uona se giala iocat.
 Ma napre dopo to ciuie da to ioce, anu to bilu vis no uotrosche iocagne.
 To se navialu tas taregn, anu to naleslu gni toga malaga, pusćienaga itù samaga, sivaga nu sdravaga.
 To si ga uselu nu ga paialu nutu išo; to si ga daialu din tumu drughimu sa si ga busnuat, sa mu brissat sulsize, sa ga dirsat ta par sirzu.
 An bil uoblacen tei din babacic sis ni uopciin cusufon, an mel pa tei ne scornicize pascite sis ni vlichi ponti, nu lasse dulghe dos criš. Duiacessa na bila ga dirsala lipce chi na mogla, anu du vi cacu no dubruto na pa mu tela anu coi to io costalu ga uratit. Ma na bila pa uona mati, anu nei sat na se dizidinala anu na pasla si po gni Sganghicia.

La Duiacessa

 Nei tempi antichi, quando a Resia c’era qua e là solo qualche casupola e per i boschi si aggiravano il duiac e la duiacessa (dicesi di maschio e femmina allo stato selvaggio, insomma, gli yeti resiani), era successo un fatto di cui poi si parlò per anni e anni.
 Due giovani sposi, dovendosi recare in primavera al lavoro nel loro campo in Urbiaze (nome di luogo), si erano portati appresso anche il loro piccino di pochi mesi.
 La donna portava in braccio il figlioletto e l’uomo la seguiva recando con sé gli attrezzi e la culla legata sopra la gerla.
 Prima di apprestarsi al lavoro, la madre allattò il piccolo, dopodiché lo mise a dormire nella culla, all’ombra di un noce.
 Da lassù, intanto, nel Gosgnin Potoc (nome di luogo), la duiacessa aveva osservato il tutto con sguardo angosciato.
 Aveva, infatti, anche lei un piccino come quello, ma il suo era malato, aveva il corpicino devastato dalle croste e non aveva più nemmeno la forza per piangere.
 La duiacessa sentiva che il piccolo le stava morendo ed era disperata. Sicuramente lei stessa aveva mangiato qualcosa, forse qualche radice che non avrebbe dovuto mangiare e così, attraverso il proprio latte, aveva intossicato il figlioletto.
 Tutto ad un tratto prese una decisione, scese con il piccolo in Za Urbiaze (nome di luogo) e zitta zitta si avvicinò alla culla.
 Con rapidità tolse dalla culla il piccino che dormiva beato e lo sostituì con il suo malato.
 Poi corse via come il vento, con quel bimbo che continuava a dormire tranquillo.
 Se non che, il piccolo malato, sentendosi abbandonato, si mise a strillare e la madre, che era al lavoro lasciò cadere la vanga e corse subito a vedere cosa avesse il suo figliolo.
 Quando vide cosa c’era nella culla, si mise ad urlare ed a strapparsi i capelli.
 Accorsero tutti quelli che erano intenti al lavoro nei campi di Poje (nome di luogo), ma che potevano mai fare! Chi poteva aiutarla, la poveretta!
 Allora udirono gridare lassù, su per quei rii:
 “quello che piange è mio! quello che non piange non è

[p. 6]

mio! Tieni tu quello con le croste e io quello bello!”
 Allora tutti capirono che la duiacessa aveva scambiato i due piccoli e i più anziani, quelli che la sapevano lunga sulle duiacesse, ovvero quelli che sapevano più o meno come esse agissero e come ragionassero, dissero ai due giovani genitori:
 “ora dovete farvi solo coraggio! Quella lì non vi restituirà il bambino finché non sarà certa che il suo sia guarito”.
 Allora i due si portarono a casa il piccolo della duiacessa e un po’ grazie alle erbe medicinali, un po’ perché nutrito con buon latte, cominciò a stare meglio e pian piano guarì.
 Era proprio bello il piccolo della duiacessa con quella zazzera di riccioli in testa; solamente che si comportava da selvaggio qual era: mangiava con le mani, non voleva essere lavato né pettinato e si accovacciava a dormire nella cenere del focolare.
 Se lo sgridavano, soffiava come i gatti e mordeva persino!
 Erano passati ormai due anni e la duiacessa non si era fatta sentire.
 “Se quella non si è ancora fatta vedere, vuol dire che il nostro povero piccolo è morto di fame o di freddo nei boschi”, ripeteva la povera madre che aveva il pensiero sempre fisso lì.
 Sennonché in una tarda sera d’estate, una sera senza luna, sentirono gridare fuori nel buio:
 Sgangasgo! Smamo smo!!!” (richiamo fra selvaggi intraducibile)
 I due giovani si guardarono pallidi come stracci, mentre il piccolo aveva rizzato la testa, sveglio come non mai, e guardava attento verso la porta.
 Sgongo!!! Ciuffarcizu smo!!!” (idem come sopra)
 Allora il piccolo saltò fuori dalla cenere, ne fece una scia attraverso la stanza e saettò fuori dalla porta gridando:
 Sgarangangai! Sgarangangai! Sgarangangai!
 E scese il silenzio: un angoscioso silenzio rotto soltanto dal ripetitivo coro dei grilli.
 “E’ tornata per prenderselo ed ora siamo rimasti soli per davvero!” disse sconsolato quel pover’uomo.
 E la moglie scoppiò a piangere.
 Subito dopo udirono chiaramente il pianto disperato di un bimbo; corsero attraverso il prato e trovarono il loro figliuolo abbandonato lì al buio, ma vivo e sano.
 Se lo portarono in casa e se lo passarono l’un l’altro per baciarlo, accarezzarlo, per asciugargli le lacrime e stringerselo al cuore. Era come un pupazzetto vestito di pelli di pecora, ai piedini portava una specie di stivaletti cuciti alla meglio con lunghi punti.
 I capelli gli scendevano oltre le spalle.
 La duiacessa l’aveva accudito meglio che aveva potuto e chissà quanto bene gli aveva voluto e quanto le era costato restituirlo.
 Ma era madre anche lei e, alla fine, si era decisa a tornare a riprendersi il suo Sganghetto.

da http://147.162.119.1:8081/resianica/x-sgo/lendduia.do
Il Giornale di Resia
11/1, 2000
pp. 5-6
http://purl.org/resianica/dilenardo/2000a

Delle lingue si occuperanno i fedeli

Nell’ambito delle nuove collaborazioni pastorali, un ruolo importante nel mantenimento delle usanze locali sarà, d’ora in avanti, svolto dagli stessi parrocchiani.  Altrettanto sarà per il mantenimento della lingua slovena. Così ha detto lo stesso arcivescovo di Udine, mons. Andrea Bruno Mazzocato, durante il pranzo svoltosi domenica, 22 luglio, a Valbruna/Ovčja vas coi rappresentanti dei consigli parrocchiali della nuova collaborazione pastorale di Tarvisio/Trbiž. L’arcivescovo Mazzocato è giunto in Valcanale già al mattino, per presiedere la messa solenne in italiano e sloveno (e in parte anche in tedesco) in occasione dell’annuale sagra patronale di Ugovizza (in dialetto sloveno Ukuški žegn). Già nell’omelia nella chiesa di Ugovizza, l’arcivescovo ha evidenziato l’importanza della collaborazione, su cui ha di nuovo richiamato l’attenzione durante il pranzo, nello spiegare ai rappresentanti delle parrocchie della Forania di Tarvisio – corrispondente alla nuova collaborazione pastorale – le novità che si prospetteranno. Dell’intera colaborazione pastorale, in futuro, sarà responsabile un solo sacerdote, cui giungeranno forse in aiuto anche altri sacerdoti e diaconi. Con riguardo alla specificità linguistica della forania, dove in alcune chiese i riti si sono, finora, svolti almeno in parte anche in sloveno o tedesco (in italiano e sloveno soprattutto nelle parrocchie di Ugovizza e Camporosso/Žabnice) l’arcivescovo ha spiegato come, attualmente, nell’arcidiocesi di Udine non siano presenti giovani sacerdoti che conoscano bene queste lingue. Nel mantenimento delle usanze locali, delle lingue e dello stesso sloveno nei riti, quindi, dovranno giocare un ruolo centrale gli stessi fedeli, con la lettura, la preghiera e il canto.
La messa solenne nella chiesa dei Ss. Filippo e Giacomo di Ugovizza è stata, come di consueto, arricchita dal bel canto prevalentemente in sloveno del locale Coro parrocchiale, che ad aprile di quest’anno ha anche cantato a una funzione nella Basilica di San Pietro. L’arcivescovo Mazzocato ha presieduto la concelebrazione con la casula rossa donata alla Parrocchia di Ugovizza da Antonio Pischiutta di San Daniele. Ricordiamo ai lettori che soprattutto il signor Pischiutta ha reso possibile al Coro parrocchiale di Ugovizza di potere cantare in Vaticano. Pischiutta ha ricevuto la casula rossa da Papa Francesco, che pare averla usata durante un viaggio in America. Dopo la messa, mons. Mazzocato si è fermato per un po’ davanti alla chiesa tra i fedeli della zona, per conoscerli.
  continua in sloveno https://www.dom.it/skrb-za-jezike-bodo-prevzeli-verniki_delle-lingue-si-occuperanno-i-fedeli/

15 ago 2018

Gremo na Štajarsko

Questa è una canzone che un tempo si cantava nella Slavia ,era molto diffusa,tutti i ragazzi la sapevano.Gli uomini un tempo andavano a lavorare in Stiria (Štajarska)

Gremo na Štajarsko,
gledat kaj djelajo,
gledat kaj djelajo
ljubice tri.

Prva je kejnarca,
druga pa kogarca,
treča je jubica
muojga srca.

Prva m je dala pit,
druga m je dala jest,
treča m je dala
dan pušjac rudeč.

traduzione 
Andiamo in Štajerska/a vedere cosa fanno/le mie tre innamorate.
La prima è cameriera/la seconda è cuoca/la terza è l'amante del mio cuore.
La prima mi ha dato da bere/la seconda da mangiare/la terza mi mi ha dato un mazzo di fiori rossi



14 ago 2018

Buon Ferragosto-Lepi Veliki Šmaren

foto di Marco Pascolino
Capelli al vento sulle creste carniche

Geum montanum L. - Cariofillata montana 

http://ispirazionezero.tumblr.com/

Buon Ferragosto

Lepi Veliki Šmaren

Liepa Marija Vošnica

              Buine Madone di Avost
                                                                        :)

12 ago 2018

Sveta Marija Vošnica tou Zavarhu/Madonna Assunta a Villanova delle grotte

Bacio delle Croci 
dal 14 al 15 agosto
 Comune di Lusevera/Bardo
Programma:
Mercoledì 15 agosto
Ore 7.30 – Iscrizioni Marcialonga
Ore 8.30 –  Marcialonga non competitiva di 7, 13, 18 km “Camminiamo Insieme” – Memorial Franco Negro
Ore 10.00 – Apertura chioschi
Ore 11.00 – Messa Solenne cantata in italiano,sloveno,friulano
Ore 12.30 – Premiazioni Marcialonga
Ore 15.30 – Vespero con processione per le strade di Villanova-Bacio delle croci
Ore 21.00 – Musica con ballo
Per tutta la durata della sagra saranno serviti cibi tipici della Val Torre,inoltre i chioschi saranno forniti di vini DOC di Ramandolo e Nimis e ottime grigliate.
Bacio delle Croci
archivio blog


Grotte-jame
archivio blog

Mons.prof.Ivan Trinko :padre della Benecia (Slavia)


Una delle più belle e fulgide figure della Benecia è senza dubbio l'uomo più eclettico: mons. Ivan Trinko. Che sia venerato lo comprovano  le numerose persone al di qua e al di là del confine che fanno visita alla sua tomba nel piccolo cimitero di Tercimonte,l’accogliente e grazioso paesino che lo vide nascere e che fa parte del Comune di Savogna.
Trinko Nacque a Tercimonte il 25 gennaio 1863: suo padre Antonio Trinko faceva l’agricoltore e sua madre Maria Golob, deceduti rispettivamente nel
1803 e 1904. La famiglia Trinko era nota con il soprannome di "par Piernovih"
in quanto il nonno proveniva da Cepletischis e si chiamava Peter. Ivan
aveva anche un fratello di nome Valentino e tre sorelle: Maria, Caterina e
Teresa; quest’ultima si fece suora e morì in convento a Brescia.
Fin dalla tenera età Ivan rivelò intelligenza vivace e grande forza di volontà.
Egli cominciò a frequentare la scuola elementare italiana solo a otto anni
compiuti nel piccolo villaggio di Jellina sito in fondovalle a circa un’ora di impervio cammino da casa.La sua prima maestra fu Rosa Koren. In quel tempo  a Tercimonte era cappellano don Valentino Dome,nativo di San Pietro al Natisone, che fu curatore di anime lassù per oltre mezzo secolo e morì quasi centenario. Fu appunto questo modesto sacerdote a forgiare l’anima dei fanciullo e a indurlo, dopo la terza elementare, a proseguire gli studi a Cividale dove ebbe per insegnante il maestro Giuseppe Droli e nel suo primo anno, per condotta e merito.Si distinse a tal punto che la direzione della scuola lo premiò con la  medaglia d ’oro. Malgrado il favorevole risultato scolastico, però, egli che  intanto aveva raggiunto il dodicesimo anno di età, espresse il desiderio di rimanere  a casa per dedicarsi alla pastorizia nei suoi monti che tanto amava. Naturalmente la sua famiglia non aveva neanche i mezzi per fargli continuare gli studi a Cividale, ma appunto in quel momento, con una certa bonaria energia, intervenne « pre » Valentino, che ben conosceva le qualità del ragazzo; e così anziché prendere la strada della montagna e dei pascoli, Ivan prese quella del seminario, e fu in tal modo che, animato anche da una forte vocazione spirituale, entrò nel seminario arcivescovile di Udine.La sua sveglia intelligenza si manifestò subito anche nel nuovo ambiente e per cinque anni consecutivi, che  tanti allora ne contava il corso ginnasiale, fu sempre il primo della classe. Al liceo, poi, fece ancora di più: oltre a primeggiare nelle materie filosofiche guadagnò addirittura un anno. Superò in bellezza, successivamente, anche i quattro anni di «teologia»; e il giorno 21 giugno 1886 celebrò la sua prima Messa nel paese natale di Tercimonte.
fonte archivio personale

Le opere

La sua prima poesia fu pubblicata nel 1885 sulla rivista letteraria "Ljubljanski Zvon".Sotto lo pseudonimo Zamejski(d'oltreconfine) pubblicò la raccolta di poesie"Pesmi beneškega Slovenca".Fu da allora che iniziò a collaborare costantemente con diverse riviste letterarie slovene.Più tardi scrisse"Propad Ogleja"(La caduta di Aquileia),oltre 500 esametri che cantano la rovina della città,avvenuta nel 453.Nel 1897 pubblica una raccolta in versi intitolata "Poezije"...
continua qui http://www.matajur.com/cultura/ivan%20trinco.html

"O ti zemlja rodna,
  zemlja bedna,
  ki te milost božja,

  meni v last je dala" (I. Trinko)

"O terra natia,
  terra misera,
  piccola,
  che la grazia divina,
  mi ha donato"

(traduzione)


11 ago 2018

PAGINE NASCOSTE - TRAILER

Le più importanti testimonianze manoscritte in sloveno, a noi pervenute


collage da foto di
https://it.wikipedia.org/wiki/Manoscritto_di_Udine
Il Manoscritto di Udine (Videnski Rokopis in sloveno) è un documento del XV secolo che contiene, tra le varie annotazioni, anche un elenco di numeri scritti in lingua slovena con caratteri latini.Le più importanti testimonianze manoscritte in sloveno, a noi pervenute, possono riassumersi in:
  • Monumenti di Frisinga (Brižinski Spomeniki in sloveno), datati la metà del IX secolo e scoperti nel XIX secolo; contengono frasi rituali di confessioni, annotazioni su prediche riguardanti il peccato e la penitenza e formule di abiura.
  • Manoscritto di Rateče o di Klagenfurt (Rateški o Celovški Rokopis in sloveno), datato 1362-1390 e riportante le preghiere del Pater Noster, dell'Ave Maria e del Credo.
  • Manoscritto di Stična (Stiški Rokopis in sloveno), collocato negli anni 1428-1440, contenente brevi testi di carattere religioso.
  • Manoscritto di Udine scritto a metà del XV secolo.
  • Manoscritto di Cergneu ( Černjejski Rokopis in sloveno) della fine del XV secolo (1459-1585) riportante annotazioni sulle donazioni fatte dai fedeli alla Confraternita di Santa Maria di Cergneu.
  • Manoscritto di Castelmonte ( Starogorski Rokopis in sloveno), compilato alla fine del XV secolo (1492-1498) con il testo delle preghiere del Pater Noster, dell'Ave Maria e del Credo.
Il Manoscritto di Udine fu compilato nel periodo compreso tra l'anno 1438 ed il 1471. Attualmente è custodito presso la Biblioteca civica Vincenzo Joppi di Udine ed è il più antico, fra i documenti sopra elencati, conservato nei musei e nelle biblioteche italiane.

Generalità

Il Manoscritto è conosciuto anche come "Quadernetto memorie Cattarina Seraduraro o pur di Fabro"mentre nella storia della letteratura slovena, data la sua ubicazione, viene nominato come "Videnski Rokopis".
Il libretto è realizzato in pergamena e consiste, ad eccezione della copertina, in 40 fogli dalle dimensioni di 14,3x11 centimetri.
La sua importanza per la lingua slovena è dovuta al fatto che, in un contesto di annotazioni effettuate in lingua friulana, viene elencata una successione di numeri scritti in sloveno. Le cifre riportate sono:
  • le unità/decine da 1 a 42;
  • le centinaia da 100 a 500;
  • le migliaia solamente fino al 2000.
La compilazione della parte in lingua slovena avvenne il 29 ottobre 1458 ad opera di Nicholo Pentor di Cormons

Quella nostra vita di confine



Un fazzoletto di terra ai margini del Paese. Periferico, quasi dimenticato come spesso accade alle zone di confine. Eppure uno spazio dove, per decenni, si è consumata la storia e dove la gente comune ha dovuto imparare ad abitarla. Una porzione di quel nostro confine orientale – tra Friuli/Italia e Jugoslavia/Slovenia – è oggi oggetto di un’importante ricerca volta ad indagare il mutamento della sua percezione. Si tratta di un territorio di 470 chilometri quadrati, comprendente 16 Comuni, dove risiedono tre comunità di lingua slovena, identificate dal termine Slavia Friulana e accomunate da vicende storiche comuni: la Val Resia/Rezija, le Valli del Torre/Ter e del Natisone/Benečija«National Borders and Social Boundaries in Europe: the case of Friuli» è il titolo della ricerca che ha vinto un finanziamento del Fondo nazionale svizzero per la ricerca scientifica. Prestigiose le realtà partner: l’Institut de Hautes Ètudes internationales et du Développement di Ginevra, l’Università di Lubiana (Dipartimento di Etnologia e Antropologia culturale), l’Università degli Studi Udine (Dipartimento di Lingue e Letterature, Comunicazione, Formazione e Società) e la Binghamton University State di New York. Respiro internazionale dunque per il progetto che però ha un’anima tutta friulana. A idearlo, infatti, sono stati Alessandro Monsutti – direttore del Département d’anthropologie et de sociologie du développement di Ginevra, nato in Svizzera da genitori friulani originari di borgo Aprato di Tarcento –, e  Stefano Morandini, antropologo visuale friulano e ricercatore sul campo per l’Institut de Hautes études internationales et du développement. Proprio Morandini ha iniziato – da gennaio 2017 – a raccogliere interviste e materiale documentale, l’indagine durerà tre anni, «La Vita Cattolica» lo ha intervistato per capire come sta andando il progetto.
Morandini, cosa vi ha spinto verso questa ricerca?
«Nel caso di Alessandro Monsutti, sicuramente le radici, di origini tarcentine ha respirato in famiglia la questione. Nel mio caso l’interesse è professionale, da 15 anni lavoro sulle comunità slovenofone. Ad accomunarci l’antropologia, in particolare quel filone di studi che si chiama “border studies” che si occupa della narrazione dei confini nel mondo, un qualcosa che ci sarà sempre».
La nostra è una zona di confine che come tutte è caratterizzata da una “marginalità” rispetto all’Italia, ma al tempo stesso è stata al centro della storia.
«Marginalità perché l’Italia finisce lì, innanzitutto questo ha innescato una forte “conservatività”, ci sono tre varietà linguistiche che, nonostante il fascismo e le politiche di italianizzazione sono sopravvissute. Oggi, come noto, c’è anche una scuola bilingue. Non solo. Si tratta di comunità molto vivaci dal punto di vista culturale, anche se la demografia non gioca certo a loro favore. Ci sono associazioni attivissime, soprattutto la musica è un veicolo importante della propria identità, non a caso sono numerosi i cori».
Politiche di italianizzazione che si sono innestate su una realtà complessa.
«Decisamente, il confine è una zona grigia. Questa è la prima volta che una ricerca si svolge in parte in Benečija e in parte in Slovenia, a cavallo del confine. Fino ad oggi ognuno si era limitato alla propria parte. La nostra logica di “scavalcare”  è legata alle pratiche di quello che si faceva quotidianamente finché la politica non si è messa di mezzo. Era normale avere amici e parenti “dall’altra parte”. Un esempio: da Drenchia si andava a seppellire i morti a Volče, una delle tante pratiche osmotiche legate al confine».
Nella vostra ricerca voi parlate di trasformazione del confine in frontiera.
«Quando parlo di politica intendo i nazionalismi. Il confine è quello che permette il contrabbando, è quello che consente di sposarsi, di andare a prendere la carne, di portare il caffè. La frontiera nasce da quello che è successo negli anni Cinquanta con Tito e la Jugoslavia da una parte e noi dall’altra: abbiamo cioè “fatto fronte”, il confine è diventato una frontiera che non si poteva varcare. Non dimentichiamo che in quegli anni si schieravano i carri armati in vere e proprie prove di forza».
Che cosa ha determinato per le popolazioni che abitavano quelle aree?
«Hanno dovuto convivere con una “temperatura sociale” costantemente alta. Un sentore reciproco che ha minato i rapporti tra paesani. C’era il controllo dell’esercito, ma, in maniera strisciante, anche quello silenzioso e clandestino di organizzazioni come “Gladio” che facevano attività di informazione sulle persone. C’era il timore dell’annessione alla Jugoslavia, questo alimentava il sospetto verso slavi e comunisti che, dunque, non erano considerati veramente italiani. Gli esempi sono innumerevoli: qui gli insegnanti non li mandava il Ministero dell’Istruzione, ma quello dell’Interno; le pratiche di nazionalizzazione poi erano quotidiane, i bambini che parlavano sloveno venivano multati».
L’impatto è stato anche economico.
«Certo. Le servitù militari sono state per i contadini un limite fortissimo. Non parliamo poi dell’industrializzazione mancata. A San Pietro si è tentato negli anni Ottanta di avviare delle fabbriche a capitale misto, italiano e jugoslavo, esperimenti che sono falliti in poco tempo. Tutto si è quindi spostato verso Manzano che ha fatto da attrattore per chi viveva nelle valli. Questo ha significato un progressivo spopolamento in un’area che aveva già vissuto il dramma dell’esportazione di manodopera in Belgio nelle miniere, in cambio del carbone».
Veniamo alla ricerca, in concreto come procedete?
«Essendo una ricerca di antropologia politica facciamo delle interviste qualitative, di cui mi occupo io, su due livelli: il primo riguarda chi ha avuto responsabilità amministrative, militari o ruoli all’interno dei partiti. Il secondo è quello delle persone comuni che hanno storie normali a cavallo del confine».
Ad esempio?
«Banalmente persone che si sono sposate, ma c’è anche chi è scappato stracciando i documenti. Ecco, raccolgo tutte queste storie che danno anche conto di una migrazione che dura da sempre. Poi siamo interessati a ogni genere di fonte visuale, quando entriamo nelle case, la prima cosa che chiediamo è se hanno filmati o foto, anche se, in quest’area, c’erano ovunque cartelli – anche fino a Nimis o Tarcento – che vietavano di girare video o anche solo fare uno schizzo del panorama. Si trattava di una zona Nato, uno scacchiere politico internazionale. Molti fatti non li conosciamo, il ruolo stesso della Jugoslavia ancora oggi non è definito».
Dove viene conservato questo materiale?
«Questo è un aspetto importante. In Svizzera c’è un dibattito sulla conservazione dei dati sensibili. Il materiale viene dunque caricato su un portale che però è accessibile solo e soltanto al Fondo nazionale svizzero e a chi svolge ricerca in questo ambito, dunque non divulgato. Non dimentichiamo che in alcuni casi si tratta di testimonianze drammatiche».
Le persone si raccontano volentieri?
«Rispetto ad altre zone del Friuli dove ho fatto ricerca, direi proprio di no. Esistono una paura e una diffidenza quasi naturali nei confronti di chi viene da fuori. È il risultato più drammatico di un “lavorio” che è stato fatto nei decenni. Molti sono restii, altri dicono soltanto alcune cose e c’è anche chi di parlare di confine non ne vuole proprio sapere. Paura e diffidenza sono state instillate ad arte e sono diventate un sentimento quotidiano che ancora oggi resiste».
Alessandro Monsutti e Stefano Morandini interverranno – lunedì 20 agosto alle 21 ai Colonos di Villacaccia di Lestizza – alla serata «Provis viertis di culture furlane»nell’ambito della rassegna culturale «Avostanis».

*articolo pubblicato sul numero 32 dell’8 agosto 2018 del settimanale diocesano di Udine «La Vita Cattolica» (qui la pagina in pdf).
**foto in evidenza, Collio sloveno, di Alessandro Coccolo.

Na lipra pravica ta-na Solbici / Il Borgo racconta una fiaba



Stolvizza/Solbica


W tarok, 7 dnuw avošta, na ne 5 populdnë anu spet na ne 7 zvëčara, ćemo pravit pravico to ta-na Rado. Se nalažamo ta-par Muzeo od tih rozajanskih judi ta na Solbici.
***
Martedì 7 agosto alle ore 17.00 presso il Museo della gente della Val Resia, – museo etnografico e delle favole -, che si trova a Stolvizza subito dopo la chiesa parrocchiale, si terrà l’evento “Il Borgo racconta una fiaba / Na lipa pravica ta-na Solbici”. Si tratta di un appuntamento ormai tradizionale a Stolvizza, dove da diversi anni propongono nel periodo estivo delle belle favole delle tradizione locale in modo che possano essere tramandate ai più giovani. Negli anni precedenti i protagonisti delle favole resiano sono stati soprattutto la volpe ed il lupo, stavolta verrà invece raccontata la leggenda del monte Grad/Castello, che sovrasta il paese. La leggenda verrà replicata alle ore 19.00 al Belvedere (in località Oračić) sul punto più alto del paese, dal quale si gode un ottimo panorama sulla valle. L’evento è organizzato, con la collaborazione del regista Gianluca Da Lio e dei giovani di Stolvizza, dalle associazioni: Museo della Gente della Val Resia, Circolo culturale resiano “Rozajanski Dum”, Zskd, ViviStolvizza e CAMA.
http://novimatajur.it/cultura/na-lipra-pravica-ta-na-solbici-il-borgo-racconta-una-fiaba.html