VOTAMI

classifiche

avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

13 lug 2015

RENATO QUAGLIA poeta di Resia/Rezija



Cela sbirka mojih pesmih se prepleti okrog besede ΟΥΑΙ-Krik- Z štirimi nitih: Sanjali, Občutki, Sodnji Dan, Na Pragu. Nocoj nisem spal: ta prestara grška beseda pretresavala zide. Ουαι',Ουαι',Ουαι'...
L'intera raccolta delle mie poesie si intreccia attorno alla parola ΟΥΑΙ-L'URLO-.
Con quattro fili: Segnali, Presagi, Il Giorno dell'Ira, Sulla Soglia. Non ho dormito questa notte:questa antica parola greca Ουαι',Ουαι',Ουαι' squassava i muri di casa.
Da se predere ta nora, strahovalna, nasilna,čarovna Mreža-Črni Bog-ki nas prevara in razruši naše Duše,naše Sanje: ουαι', Ουαι', ΟΥΑΙ!!!
Che venga lacerata questa pazza, terrorizzante, dispotica, ammaliatrice RETE- questo Dio Nero prevaricante che devasta il Vivere e calpesta ogni sogno di futuro: ουαι', Ουαι', ΟΥΑΙ!!!
OGNJENEC
Ognjenec naš, daj, pridi že
saj soca več ne vidimo
iz grobnic teh ledenih
izvleči nas, te prosimo
Okrog nas je sam pesek
okrok nas sama povodenj
hude reči nam z daljnega
grmenje prerokuje
Besede so presahnile
še v vodo so nam vrgli sol
in vsemu temu pravijo zdaj mir
v resnici pa je naša krij
Nikogar več mi nimamo
kar Bog je mrtev, nepokopan
in kam naj se zatečemo
ko zadnje Lipe ne bo več?
Ognjenec naš, pokaži se
ker v hudem sami smo zelo
saj bolje da smo vedomci
kot s srci okovanimi.
Deseti dan maja 1980.
(Iz knjge Baside, v rezijansčini pisana ki v knjžni jezik prestavil in spremno besedo napisal pesnik Marko Kravos-Založništvo Tržaškega Tiska, Trst, 1985).
Včeraj...Danes 13/07/2015 Grčija...Jutri...že občutim šumenja.
TREMENDO ANGELO DEL FUOCO
Tremendo Angelo del Fuoco, dai, irrompi/Finalmente!/Più sole non vede l'occhio/dalle congelate Tombe/ strappaci, ti imploriamo.
Tutt'intorno solo sabbia/ globale devastazione tutt'intorno/ sinistri eventi da lontananza/ tuoni e ancora tuoni preannunciano.
Svuotate di linfa le Parole/Del tutto/Nella nostra acqua si riversa sale/A sacchi/
A tutti i venti s'annuncia pace/ già da oggi/Come sa di sangue questa pace!/
Chi accanto ci rimase sulla strada?/Se Dio è morto/ e neppure fu sepolto/chi ancora ci convocherà in Assemblea/quando anche l'ultimo Tiglio sarà abbattuto?
Tremendo Angelo del Fuoco propagati/ ché disperante isolamento ci attanaglia/meglio vivere come fuochi della Notte/ che il cuore tenere in catene.
10 maggio 1980.
Dal libro Baside scritto in Resiano che il Poeta Marko Kravos eccellentemente tradusse in sloveno letterario; Ž.T.T., Trst, 1985.

1 commento:


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *