Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2019

Giro d’Italia 2020 cilja na Matajur - Il Giro nel 2020 punta al Matajur

Immagine
Kàr so se 20. maja 2016 parvi kolesarji (čiklisti) od Giro d’Italia parkazali na ciesti pod vasjo Matajur, se je vzdignu guč in vekanje, kakor v stadionu, kàr domača ekipa (škvadra) zabije gol. V te narbuj vesoki vasi Benečije so bli postavili gorski cilj ( gran premio della montagna) in se je bluo zbralo tavžinte ljudi; se jih na puobne tarkaj vsieh kupe. Puno jih je bluo iz Slovenije, ne samuo in sosednje Šoške doline, pa tudi iz Ljubljane, Kranja, Celja in celuo Maribora. Plapolale so italijanske in slovenske zastave. Vsi so bli veseli. Tako veliko in navdušeno publiko je opazu sam direktor športnega dnevnika la Gazzetta dello Sport, ki kolesarsko dirko po Italiji organizira že vič ku stuo liet. Kàr se je peju mimo pred kolesarji, je ustavu svoj avto, izstopu in fotografiru velik spektakel, ki ga je imeu pred očmi. Morebiti se je prù v tistim momentu rodila ideja, ki je paršla na dan v zadnjih dneh, de bi hlietu adnà etapa Gira imiela cilj (traguard) na Matajuru, v kraju na Lazeh, …

Poeti di frontiera, incontro con Marko Kravos a Udine

Immagine
‘Poeti di frontiera. Incontro con Marko Kravos’ è il titolo dell’iniziativa voluta a Udine dal circolo di cultura sloveno Ivan Trinko, che è uno dei partner della rassegna Notte dei lettori organizzata dall’associazione Bottega errante. L’appuntamento, in programma sabato 8 giugno alle 18 nella Loggia del Lionello, servirà a far conoscere al pubblico udinese una delle più importanti voci poetiche contemporanee di lingua slovena, che racconterà i cambiamenti più significativi che hanno contraddistinto una frontiera che, anche dal punto di vista culturale, ha marcato scambi, conoscenze, propositi di apertura. Con Kravos dialogheranno Maurizio Mattiuzza e Michele Obit.
Kravos (al centro nella foto) è stato tra l’altro ospite lo scorso dicembre della Beneška galerija di S. Pietro, dove, assieme alla mostra personale dell’illustratrice Dunja Jogan, è stato presentato anche il suo libro per bambini bilingue ‘Pravljice, za vsak prst ena – Fiabe, una per dito’, edito da Vita Activa.

http://no…

Dežela za trijezični pouk-La Regione per la scuola trilingue

Immagine
Come riportato sul sito della Regione Friuli Venezia Giulia «La Regione spinge per l’innalzamento del finanziamento statale alla Sissa (Scuola internazionale superiore di studi avanzati) di Trieste e per il varo di un progetto sperimentale di trilinguismo nel curricolo dell’Istituto omnicomprensivo di Tarvisio Ingeborg Bachmann». È quanto ha affermato ieri l’assessore all’Istruzione Alessia Rosolen, che nel question time in Aula ha annunciato che è pronta la bozza della norma con cui la Regione propone alla Commissione paritetica Stato-Regione l’acquisizione di più ampi margini di autonomia nel settore dell’istruzione non universitaria. L’assessore ha insistito sulla «necessità di sottrarre il dibattito sulla scuola al terreno della propaganda politica, auspicando un confronto in Consiglio regionale all’insegna della massima onestà intellettuale, poiché la strada è lunga e complessa». Rosolen ha riepilogato la portata dell’accordo storico con il Miur, che mette a disposizione 800.000…

Cosa dicono i risultati elettorali - Kaj nam pravijo izidi volitev

Immagine
Non desta meraviglia che anche nelle valli del Natisone e del Torre, a Resia e in Valcanale la Lega abbia fatto il pieno di voti alle elezioni europee del 26 maggio. Da queste parti, infatti, l’elettorato da molto tempo è estremamente volubile e si comporta esattamente come quello di tutto il Friuli Venezia Giulia e del resto dell’Italia. Cinque anni fa si infatuò del Pd di Matteo Renzi, questa volta ha premiato Matteo Salvini. Al prossimo appuntamento con le urne chissà… Più articolato è il discorso sul voto per il rinnovo di dieci amministrazioni comunali nel territorio nel quale è riconosciuta e tutelata la lingua slovena. In tutti e otto i Comuni nei quali si è ricandidato il sindaco uscente – Attimis, Grimacco, Malborghetto Valbruna, Prepotto, Pulfero, San Leonardo, San Pietro al Natisone e Stregna – si sono registrate conferme. Nei restanti due, cioè Lusevera e Resia, ha vinto la voglia di cambiamento ed è prevalsa un’opzione in discontinuità con l’amministrazione uscente. Cosa…

Prima presentazione a Ginevra dello studio sulle aree di confine del Friuli/Slovenia

Immagine
29/05/2019~LASCIA UN COMMENTOMODIFICA"PRIMA PRESENTAZIONE A GINEVRA DELLO STUDIO SULLE AREE DI CONFINE DEL FRIULI/SLOVENIA" PROGETTO “National Borders and Social Boundaries in Europe: the case of Friuli”
Il progetto scritto da Alessandro Monsutti e Stefano Morandini ha ottenuto
un finanziamento del Fondo nazionale svizzero per la ricerca scientifica (SNF).
SOGGETTO PROPONENTE: Institut de Hautes études internationals et du development,
Graduate Institute di Ginevra PARTNERS DI PROGETTO:
Department of Ethnology and … Leggi tutto

Domenica 2 giugno pellegrinaggio a Castelmonte - V nedeljo romanje na Staro goro

Immagine
Dvejsto skupno ruomanje Nediških dolin na Staro goro bo, v nediejo, 2. junja, na guod Kristusovega vnebohoda (Velik križ). Se bojo na Stari gori zbrali duhovniki in vierniki špietarske foranije. Vse fare se bojo, ku ponavadi, vsaka s svojin oflokanin križan, srečale ob 11. na starogorskin placu. Ob 11.15 bo precesija do svetišča, med katero bojo piel’ litanije Device Marije. Ob 11.30 bo sveta maša, ki jo bo vodu rektor svetišča p. Gianantonio Campagnolo ob somaševanju beneških famoštru g. Micheleja Zanona, Micheleja Molara in Boža Zuanelle. Lietošnje je jubilejino 20. ruomanje na Staro goro, saj je bluo parvo lieta 2000, kàr je sveti papež Janez Pavel II. vprašu odpuščanje za karvice, ki jih je katoliška cierku zagrešila, so duhovniki in pastoralni svet (konsej) špietarske foranije pomislili, de bi bluo dobro, če bi se ljudje Nediških dolin med sabo buojš spoznali in če bi odpustili zamiere, ki jih imajo med sabo. Velika škoda je pa, de kar so mislili tisti, ki so skupno ruomanje veku…

Evropske volitve in mi Slovenci-Europee e noi Sloveni

Tokratna kampanja za evropske volitve, ki bodo po mnenju številnih komentatorjev, odločilne za bodočnost naše celine, je potekala v znamenju italijanske notranje politike. Ali boljše rečeno: ob dnevnih prepirih znotraj vladne večine, predvsem med vodjo Lige Salvinijem in liderjem Gibanja petih zvezd Di Maiom, katerima se je v zadnjih dneh pridružil še premier Conte.
Potem ko so predstavniki vladne koalicije pred meseci govorili, kako nas Evropa potiska v bedo, sedaj o Evropi niti besede.
Niti o evru in o vsem tem, kar nam naj bi evropska povezava hudega storila. Zato bom sam skušal nekaj povedati o Evropi.
Prav zdajšnjemu povezovalnemu evropskemu sistemu se moramo zahvaliti, da na celini če 70 let ni vojn.
Kjer nismo povezani, denimo na Balkanu, vemo, kako so se reševala meddržavna nesoglasja.
Evropska unija res ni storila vsega, kar bi morala, ker je bila preveč zagledana v banke in kapital in se manj posvečala Evropejkam in Evropejcem in njihovim družbenim težavam, predvsem delu in…

Strada del vino e del sapore: ecco le bellezze del Friuli Venezia Giulia

Immagine
Il Friuli Venezia Giulia è al momento la sola regione in Italia ad avere un ente unico che fa da regia al progetto della Strada, segue tutte le azioni legate all'operatività con le proprie risorse interne ed è, inoltre, la prima regione in Italia a regolare (ex art.6 lr 22/2015) la somministrazione di produzioni agroalimentari tradizionali e produzioni tipiche e di qualità non cucinate, unitamente all'assaggio del vino durante le visite in cantina

Risposta di TATJANA Rojc a Danilo Slokar

Immagine
ROMA

La senatrice del Partito democratico Tatjana Rojc replica al consigliere regionale Danilo Slokar La senatrice Tatjana Rojc ha risposto all’osservazione mossa nei suoi confronti da Danilo Slokar sul Primorski dnevnik di martedì, 16 aprile. «Aspetto la proposta della Lega, che esaminerò volentieri», ha detto in risposta a Slokar, che ha spiegato che la Lega s’impegna con determinazione per l’assicurazione di una rappresentanza garantita degli sloveni al Parlamento di Roma. La realizzazione dell’obiettivo, secondo quanto detto dal consigliere regionale di lingua slovena, sarebbe ostacolata proprio dal Partito democratico e da Tatjana Rojc. Per ora, però, almeno pubblicamente la Lega non ha presentato alcuna proposta. A Rojc non è nemmeno noto che esistano bozze o colloqui informali per l’assicurazione dell’elezione di un rappresentante di lingua slovena alla Camera dei deputati o al Senato. «Sarei felice di discutere delle modalità che permettano alla comunità etnica slovena l’ele…

Muzeo brüsarjöw rivawa 20 lit dëla - Il Museo dell’arrotino ha 20 anni

Immagine
Litos muzeo brüsarjöw ta-na Solbici rivawa 20 lit dëla. Asočacjun C.A.M.A., ki na dila karjë za zdëlet poznet dëlo od brüsarjow, litos na bo pobujšala svija lipaa mezea. To pyrwo rič, ki na jë naredile isa asočacjun to jë bila ita za naredit den monument za në zabit isö dëlo. Po itin drüe lipe ano wridne rëči so bile norët tej fjëšta brüsarja, ki na se nareja wsakë lëto to saont nadëjo avošta. Brusarji so bili tu-w karjë krajow pokazet isö dëlo. Isi lipi muzeo ta-znutra an ma ne lipe ano stare rëći, so pa ti stari litratali, ki ni kažajo, da kako to jë bilo prit nu prit. Tu-w isin muzeo so nalaža wsë napïsano po nes, po slavinki ano pa po laški. Litos fjëšta ta -na Solbici na bo nored w saböto 10 dnuw avošta ano w nadëjo 11 dnuw avošta. Il Museo dell’arrotino a Stolvizza (Resia) quest’anno festeggia i 20 anni di attività. Grandi festeggiamenti sono programmati per i prossimi 10 e 11 agosto. https://www.dom.it/muzeo-brusarjow-rivawa-20-lit-dela_il-museo-dellarrotino-ha-20-anni/
Immagine
Resia/RezijaA contendersi la guida del Comune di Resia ci sono tre candidati a sindaco: il vicesindaco uscente Cristina Buttolo (lista Resia domani), Anna Micelli (lista Vota Resia) e Carmelo Carlo Altomonte (lista Identità resiana – Progetto Resia). «La mia candidatura è all’insegna del completamento di un percorso che dura da vent’anni – dice Cristina Buttolo –. Metto a disposizione della comunità l’esperienza acquisita e tutte le mie capacità, avendo come compagne di strada persone con le quali ho finora amministrato e altre nuove, che portano ulteriori entusiasmo ed energie. Con la nostra squadra la popolazione ha la garanzia che all’indomani delle elezioni saremo pienamente operativi». Per Buttolo è fondamentale portare nuovo sviluppo. Vede le prime criticità nella manutenzione del territorio, in primo luogo la riasfaltatura delle strade. «Nella cittadinanza dobbiamo inculcare una maggiore consapevolezza di quello che è l’ambiente e il suo uso, anche ai fini di un’ immagine comp…

ELEZIONI 2019 Valli del Natisone/Nediške doline

Immagine
Stregna A Stregna si fronteggeranno, come cinque anni fa, Luca Postregna, alla guida della lista Stregna migliore, e Mauro Veneto, candidato sindaco della lista Sole sì soli no per un futuro migliore. «Vogliamo continuare a cercare di mettere vicino le persone – ha dichiarato Postregna –, di coinvolgerle nei progetti che vogliamo portare avanti, ascoltando le esigenze della popolazione, ma operando la necessaria sintesi, per trasformare i bisogni in nuove opportunità». I temi del sociale sono risultati essere quelli sui quali si è avuta la maggiore condivisione nello scorso mandato e sono proprio questi ultimi che si vogliono portare avanti sul territorio. «Abbiamo portato avanti molte iniziative che si sono poi sviluppate – ha raccontato Postregna –, a partire dall’Associazione fondiaria, dall’Associazione Potok, dall’attività motoria che organizziamo con gli adulti, con gli anziani; siamo riusciti ad individuare alcune iniziative che sicuramente coinvolgono le persone». Veneto, da parte…

Continua il dibattito sulla rappresentanza politica degli sloveni

Immagine
LJUBLJANA – LUBIANA

La Lega vorrebbe svincolare la minoranza slovena in Italia dai partiti

Il consigliere regionale del Friuli Venezia Giulia Danilo Slokar a colloquio da Ljudmila Novak, presidente della commissione per i Rapporti con gli sloveni d’oltreconfine e nel mondo, Ljudmila Novak, che la Lega continua a impegnarsi per assicurare alla comunità etnica slovena in Italia un seggio al Parlamento italiano. Un esponente di spicco della Lega, il presidente del governo regionale del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, ha più volte pubblicamente dichiarato di impegnarsi per una soluzione che permetta agli sloveni in Italia di eleggere, autonomamente e al di là della volontà dei partiti, un proprio rappresentante a Roma. «Ho detto a Ljudmila Novak che vige ancora ciò che Fedriga ha detto al capo dello Stato Pahor, al ministro Cerar e al console generale a Trieste, Volk. Per gli sloveni in Italia deve valere ciò che hanno i tedeschi in Alto Adige/Südtirol o gli italiani in Slo…

CIRILLO E METODIO A PORZUS

Immagine
La mostra «L’eredità di Cirillo e Metodio. Un progetto per l’Europa» sarà visitabile nella Casa di accoglienza a Porzus sabato 18, domenica 19, giovedì 23, venerdì 24, sabato 25 e domenica 26 maggio dalle 10.00 alle 18.00. L’inaugurazione si terrà domenica 19 maggio alle 10 con gli interventi di don Vittorino Ghenda, curatore pastorale di Porzus, e Giorgio Banchig, presidente dell’associazione «don Eugenio Blanchini». Alle 16.30 si terrà un incontro di preghiera con padre Joan Marginean,sacerdote cattolico rumeno di rito bizantino. Giovedì, 23 maggio, alle 10.30 ci sarà la Santa Messa in sloveno celebrata da p. Jan Cvetek. Domenica, 26 maggio, alle 11, avrà luogo l’ incontro con Sergio Pellegrini, curatore della mostra, e alle 16.30 chiusura della mostra con la Santa Messa, presieduta in chiesa dal vicario generale dell’Arcidiocesi di Udine, mons. Guido Genero, e il saluto nella Casa di accoglienza...continua in sloveno
https://www.dom.it/sv-ciril-in-metod-v-porcinju_i-santi-cirillo-e-…

Una doverosa simpatia per noi e la nostra comunità - Poziv k resnemu študiju zgodovine

Immagine
Venti di tramontana alternati da scirocco attraversano la nostra regione, per fermarci solo in casa nostra, perché il fenomeno è vasto, europeo. Fermandoci alla comunità slovena, essa è scossa da contrasti che si autoescludono a vicenda. Un vortice sembra avvolgere i nostalgici di eventi e personaggi che hanno segnato profondamente la popolazione, soprattutto della Benecìa. Mi riferisco non tanto alla memoria di uomini coraggiosi che hanno combattuto per un ideale, anche se poi questo è tramontato in un sistema a senso unico, quanto invece a coloro che tirano fuori slogan, bandiere, berretti, coccarde e altri simboli che è meglio dare al macero. Lo stesso discorso vale per l’altro ricupero di segno contrapposto. Se il primo era di sinistra, questo è di destra. E vale per lo stesso periodo, quando si contrapponevano due forze, una che guardava a Mosca, l’altra a Washington, nella mediazione provvisoria, ma nefasta di Berlino. Le cose sono finite male, anche per il cinismo di Londra, ch…