Post

Visualizzazione dei post da Dicembre, 2018

Buon anno-srečno novo leto-bon an-frohes neues jahr

Immagine

Ripartiamo dal senso di comunità

Sta per concludersi un anno con non poche turbolenze. I cambiamenti possono anche essere positivi, a volte addirittura rigenerativi, ma oggi come oggi costa fatica credere che dal quadro politico ed economico attuale, italiano ed europeo, possano nascere delle buone prospettive. Proprio in queste ore a Roma si stanno prendendo decisioni che avranno delle conseguenze sulla vita di molti cittadini italiani. Bravo chi riesce a trovare – nei meandri di provvedimenti proposti, ritirati, riproposti e rimodificati – qualche motivo di soddisfazione. Anche dalla nuova amministrazione regionale non sono giunti al momento veri segnali incoraggianti, e lascia qualche perplessità il nuovo disegno che si vuole dare all’organizzazione degli enti locali: davvero torneremo alle Province, e fino a quando, fino al prossimo giro di giostra? Parlare di anno di transizione, come potrebbe forse essere definito, significa prendere atto che poco o nulla si è mosso per le nostre vallate, che invece hanno semp…

Zapustil nas je g. Lovro Petricig - L’ultimo saluto a don Lovro Petricig

Immagine
V četrtek, 27. decembra, je umrl gospod Lovro Petricig. Upokojeni gospod iz Podbarnasa je bil star 91 let. Rodil se je leta 1927 v Vidnu, kjer je od leta 1946 do leta 1950 bil v semenišču. Potem se je preselil na Koroško, kjer je študiral v semenišču na Krki. Tam je bil posvečen v duhovnika leta 1952. Kasneje je do leta 1953 bil kaplan v kraju Sagritz in od 1953 do 1959 v Železni kapli. 1. avgusta 1959 je prevzel skrb za dvojezično župnijo Šentilj ob Dravi/St. Egyden an der Drau, kjer je ostal župnik vse do upokojitve, leta 2012. Tam si je prizadeval za zgraditev nove farne cerkve in farnega doma z otroškim vrtcem. Poznali so ga tudi v Kanalski dolini, saj je med poletno romarsko sezono desetletja pomagal v svetišču na Svetih Višarjah. Zadnja leta je med drugim bival v hiši sester v Žabnicah. Gospoda Lovra Petriciga bodo zadnjič pozdravili v nedeljo, 30. decembra, v Šentilju ob Dravi. Na farnem pokopališču bo ob 14.30 slovesni rekvijem in pogreb. Giovedì, 27 dicembre, è mancato don Loren…

Ne boste nas potujčili-Non ci assimilerete

Immagine
Napori italijanskih oblasti, da bi iztrebili sloviensko govorico v Beneški Sloveniji so takega obsega, da si jih moremo komaj predstavljati. Vzporedno s diskriminatorsko akcijo nasproti Slovencem, so postavili na noge obšežno kulturno organizacijo, ki re od otroških vrtcev, pa do večernih tečajev za odrasle. V zadnjih štirih letih so zgradili desetine velikih šolskih poslopij, ki s svojo moderno opremo gladko tekmujejo s šolami po mestih. Organizirali so tudi šolske kuhinje po vseh vaseh in za vse otroke, ki jim nudijo vsak dan izdatno kosilo. Brezplačni večerni tečaji za risanje in razne obrtne šole so bile otvorjene skoraj v vseh vaseh, kjer je sedež občine in po drugih važnejših središčih. Vsa ta ogromna kulturna organizacija, ki stane državo skoraj eno milijardo lir na leto, je odvisna od posebnega urada, k i ima svoj sedež v Vidmu in si je nadel splošen naziv »Urad za posebna področja«. Delovanje tega urada podpirajo prefektura v Vidmu, četrti odsek za mejna področja, ki je odvi…

Veselo srečanje na meji, ki je ni več-Festoso incontro sul confine che non c'è più

Immagine
V petek, 21. decembra, je minilo enajst let, odkar je Slovenija postala del schengenskega prostora. Na ta dan leta 2007 so se tudi v Benečiji in Posočju veselili padca “prekletega konfina”. Zato so pobratene organizacije Vzpi-Anpi iz Čedada in Nadiških dolin ter KO Združenja borcev NOB iz Kobarida prav na nekdanjem mejnem prehodu Štupca-Robič priredile lep praznik, da bi se vsi skupaj spomnili tistih veselih in – še posebno za ta prostor – pomembnih trenutkov. Srečanje na meji, “ki je ni več”, je bilo tudi priložnost za prvi uradni “čezmejni” nastop novega kobariškega župana Marka Matajurca, ki se dobro spominja tistih veselih trenutkov, ko so praznovali vstop Slovenije v schengensko območje. Matajurc je tudi izpostavil pomen povezovanja in poudaril, da zdaj res ni več nobenih ovir za okrepljeno sodelovanje med Benečijo in Posočjem na številnih različnih področjih.
Zbrani – srečanja so se med drugimi udeležili tudi župani Camillo Melissa (Podbonesec), Mariano Zufferli (Špeter), Danie…

Giornata dell'Unità e dell'indipendenza della Slovenija

Immagine
Oggi in Slovenia è festa nazionale.Sono passati , 28 anni dal plebiscito del 23 dicembre 1990 quando quasi il 90 per cento dei cittadini votò a favore dell'indipendenza dalla Jugoslavia.I risultati del plebiscito furono annunciati ufficialmente dopo tre giorni.

https://www.noviglas.eu/slovenija-danes-praznuje-dan-samostojnosti-enotnosti/?fbclid=IwAR3u8je8IIaGwbgQTUFEaToF1JO_-xQh5or7XLGQrSKNbJgjGPw5L2JE1jQ

Stella d’argento della Val Resia alla Commissione giulio-carnica sentieri e rifugi del CAI Fvg

Sabato 22 dicembre è stato consegnato il premio “Stella d’argento della Val Resia 2018”, il riconoscimento ideato dall’Associazione “ViviStolvizza” per mettere in evidenza personalità, associazioni, gruppi o singoli cittadini che hanno contribuito, in qualche modo alla crescita sociale, economica e culturale della Val Resia, e giunto già alla quindicesima edizione. Quest’anno il premio “Stella d’Argento della Val Resia” è andato al “Club Alpino Italiano FVG – Commissione giulio carnica sentieri e rifugi” per la significativa attenzione posta verso i sentieri promossi dall’Associazione ViviStolvizza, una proposta che sta rappresentando un importante veicolo turistico per questo piccolo paese.
Come da tradizione è stato consegnato anche un “Riconoscimento speciale”. A meritarlo questo anno il “Campeggio Club Udine” per aver promosso in giro per l’Italia e non solo, il territorio resiano ed organizzato nel corso dell’anno diversi raduni di camperisti nel territorio della Val Resia.
Per que…

Auguri Natale - Božič 2018

Immagine

Kaj smo jedli dan bot za Božič / Cosa si mangiava un tempo per Natale

Immagine
Dan bot po majši polnočni ,smo jedli tripe bokinove ali od ovce tou kropu za se ogrieti,ker tou cjerkui ni bluo horkuo. Un tempo,dopo la messa di mezzanotte,si mangiava le trippe di manzo o di pecora in brodo per scaldarsi,perchè in chiesa  faceva freddo.

Le trippe (mulice) di nonna Maria
Ingredienti:
500 gr di trippe,sajin(strutto)1 cipolla (čebula),1 strok di luk (spicchio di aglio),1 carota (koranj),sedano,formaggio vecchio grattugiato,brodo (krop),sale e pepe.
Preparazione:
lessare le trippe per 4 ore se di manzo,tagliarle a listarelle,preparare un soffritto con  strutto, cipolla,sedano e  carota tagliata a pezzettini e l'aglio.Soffriggere le trippe mescolandole accuratamente per circa 10 minuti,aggiungere  il brodo e far bollire a fuoco lento fino a completa cottura di tutti gli ingredienti,alla fine aggiungere il formaggio  gratugiato.

La paača di nonna Maria
La paača è un cibo povero della Terska dolina ormai dimenticato e si cucinava sotto la brace.Era dolce o  salato e  potev…

Web sul blog: Questo blog è antifascista e contro ogni dittatura...

Web sul blog: Questo blog è antifascista e contro ogni dittatura...: Oggi vi presento i banner realizzati dagli amici di questo blog, che sono a disposizione di tutti. Se anche voi siete antifascista e con...

Božični koncert/Concerto di Natale

Immagine
Člani Združenja »Don Mario Cernet«, Cerkveni pevski zbor iz Ukev in Župnija Sv. Filipa in Jakoba v Ukvah vas vljudno vabimo na Božični koncert, ki bo v soboto, 29. decembra 2018, ob 20.00 v farni cerkvi v Ukvah.

Vnaprej vam želimo vesel Božič!

*************
I soci dell'Associazione/Združenje «Don Mario Cernet», il Coro Parrocchiale di Ugovizza/Ukve e la Parrocchia dei Ss. Filippo e Giacomo di Ugovizza/Ukve sono lieti di invitarvi al Božični koncert/Concerto di Natale che si terrà sabato, 29 dicembre 2018, alle 20.00 nella chiesa parrocchiale di Ugovizza/Ukve.

Vi auguriamo in anticipo un sereno Natale!

Proverbio sull'inverno

Immagine
Proverbio della Valli del Natisone-Nediške doline
Nemmeno il lupo ha mai mangiato l'inverno

Presentazione numero natalizio Novi Matajur

Edizione natalizia del Dom.-Božična izdaja petnajstdnevnika Dom

Immagine
Zadnja letošnja številka Doma postavlja v ospredje bozična praznovanja. »Mi želimo, de bo Božje Sonce sijalo nad nami an na nas, de naše življenje, naša domovina an naše družine najdejo nazaj tisto bethlehemsko luč, ki vse oživlja. Mi na živimo od samih spominu, ampà teli spomini postanejo naša vsakdanjost, ki nam odpre oči, ki očisti naš obraz, ki mu varne nasmieh an veselje, ki obudi življenje v naših družinah an vaseh. Donas Bethlehem je Benečija, so naši kraji an posebno naša cierkva, piše msgr. Qualizza.« Božična sveta mašo po slovensko bo v ponedeljek, 24. decembra, ob 21. uri v špietraski župnjiski cerkvi. Na drugi stani je prospetk z urniki svetih maš v Benečiji, Reziji in Kanalsko dolini od 24. decembra do 6. januarja. V pripravo na Božič je v župnijah Dreka, Kravar in Liesa Devetica. O tej pobožnosti Giorgio Banchig ugotavlja, da ne gre za značilnost Benečije ampak za vseslovensko tradicijo, ki jo poznajo pod imenom Marijo nosijo. »Devetica božična je toraj poznana v vič slo…

Vida Rucli na odru Slovenskega mladinskega gledališča v Ljubljani s predstavo “Krajine svobode”

Immagine
Vida Rucli sul palco del teatro giovanile di Ljubljana con Paesaggi della libertà"
Tri ženske različnih starosti so protagonistke gledališke predstave Krajine svobode, ki je nastala v produkciji Slovenskega mladinskega gledališča in v zasnovi ter režiji Ane Vujanović in Marte Popivoda ter je imela svojo premiero v četrtek, 29. novembra in bo na sporedu do jutri, 6. decembra prav v prostorih Mladinskega gledališča v Ljubljani.
Ena od protagonistk je Benečanka Vida Rucli, ki prvič igra v neki gledališki predstavi, pred leti pa je igrala v filmu Vlada Škafarja ‘Mama’.
Krajine svobode – tako igro predstavi samo gledališče – so umetniško-politično popotovanje po krajinah protifašističnega in komunističnega spomina, ki ga ni strah poetičnosti, čustvenosti, čutnosti in eksperimentalnosti, hkrati pa konceptualno in racionalno zarisuje problem izbrisa tega spomina iz današnje evropske družbe. Na podlagi dokumentarnega besedilnega gradiva, kakršno so dnevniki partizank iz druge svetovne vojne…

Un nuovo anno da record per il turismo sloveno che per il futuro punta alla gastronomia

Immagine
Il ministro sloveno dell’economia Zdravko Počivalšek ha reso noti i risultati del turismo per il 2018. Si tratta di un nuovo anno da record con oltre 5,6 milioni di arrivi e oltre 15,2 milioni di pernottamenti. In forte aumento – quasi del 12% – anche le entrate che nei primi nove mesi dell’anno hanno raggiunto 2,12 miliardi di euro. E se quest’anno turistico è stato all’insegna della cultura, elemento di identità fondamentale che rende il paese riconoscibile all’estero, come ha sottolineato il ministro della cultura Dejan Prešiček, l’Organizzazione turistica slovena pensa già al futuro e punta alla gastronomia.

L'identità cancellata

Immagine
Elenco cognomi tratto dal libro introvabile di Paolo Politi
Tra i colpi d'ingegno del fascismo nella cosiddetta Venezia Giulia c'è anche un colpo di spugna che non è per niente conosciuto nel resto dell'italico stivale, e che le scuole si guardano bene dall'insegnare o da rendere noto, così, non tanto perchè ormai serva a molto, ma un tanto per verità storica.
Con il colpo di spugna infatti, la popolazione della suddetta nuova regione, da multietnica e multiculturale quale era, diventa in pochi anni italianissima grazie alla "restituzione" in forma italiana di tutti i cognomi.
Dal momento che non mi piace parlare a venvera, a differenza di altri, che basano le loro tesi sul sentito dire, in molte parrocchie dell'Istria e del Quarnero è possibile consultare registri che riportano atti di nascita o di matrimonio dove la quasi totalità dei cognomi è riportata con la ch finale o con la ć (che in croato corrisponde alla ch), dipendeva dalle origini del prete o d…

Web sul blog: Rapporto Censis 2018: gli italiani sono in preda a...

Web sul blog: Rapporto Censis 2018: gli italiani sono in preda a...: Articolo da  VolontariatOggi.info ROMA. La delusione per lo sfiorire della ripresa e per l’atteso cambiamento miracoloso ha incattivi...

2. svetovna vojna v stripu - La 2ª guerra mondiale a fumetti (68)fine

Immagine
Lieta 1945  je končala druga svetovna vojska. Kar se je pred njo, med njo in po nji gajalo v Benečiji, je lazajnski famoštar g. Antonio Cuffolo (1889-1959) napisu v dnevnikah po slovensko in po italijansko. V drugi pregledani in dopunjeni izadaji, ki jo je urediu Giorgio Banchig, sta izšla par zadrugi Most lieta 2013.  Moreno Tomasetig je slovenski Cuffolu dnevnik spravu v strip , ki ga  v beneškoslovenskem dialektu obljavljamo v vsaki številki Doma. To je 68. in zadnje nadaljevanje. Nel 70° della fine della seconda guerra mondiale (1945), Moreno Tomasetig ha trasformato in fumetto i diari del parroco di Lasiz, don Antonio Cuffolo (1889-1959). In questa puntata. In questa puntata. Terminata la guerra, il sacerdote chiede agli inglesi la restituzione del prestito di 25.000 lire dato nel 1943 ai prigionieri alleati per aiutarli nella fuga. Dal governatore alleato di Cividale ottiene il denaro, ma senza gli interessi promessi (con quei soldi allora si sarebbe potuto comprare sette arment…

Dopo i muretti a secco anche la tradizione dei merletti slovena diventa Patrimonio Culturale Immateriale Unesco

Immagine
La Slovenia festeggia due nuove iscrizioni nella Lista Rappresentativa del Patrimonio Culturale immateriale dell’Unesco: si tratta dell’arte dei muretti a secco, candidatura multinazionale che ha unito gli sforzi di otto paesi (tra cui l’Italia), e della tradizione dei merletti. Le nuove iscrizioni – 31 in totale – sono state deliberate dal Comitato per la salvaguardia del Patrimonio Culturale Immateriale, riunitosi dal 26 novembre all’1 dicembre a Port Louis, nelle isole Mauritius. L’Italia ha ora 9 elementi nella lista del patrimonio immateriale Unesco, la Slovenia ne ha invece 4 (anche la Passione di Škofja Loka e i kurenti).

Idrija è la patria ufficiale del pizzo fatto a mano. Da dove e da quando risalga questa antica tradizione è ancora oggi un mistero. Pare che questo tipo d’arte, sia arrivato assieme alle numerose famiglie emigrate da paesi germanici o cechi, venute a cercare lavoro nella miniera più di 300 anni fa. Inizialmente il pizzo veniva intrecciato con grosso filo di lan…

Fatturazione elettronica un obbligo dal 1º gennaio

Dal 1º gennaio 2019 scatterà l’obbligatorietà della fatturazione elettronica nei i rapporti tra fornitori e tra fornitori e consumatori. La gran parte delle aziende italiane dovrebbe quindi abbandonare del tutto la fattura cartacea. Le regole sono ancora in fase di ridefinizione, dopo le criticità rilevate recentemente dal Garante Privacy. Per risolverle e rendere sicuro l’invio digitale dei dati è stato istituito un tavolo tecnico tra il Garante e l’Agenzia delle Entrate. Per avere lumi su una novità importante per tantissime aziende anche delle Valli del Natisone e del Cividalese ci siamo rivolti a Roberto Cedron  che a Cividale è consulente del lavoro per la Servis, azienda di servizi dell’Unione regionale economica slovena (pubblichiamo una parte dell’intervista dall’edizione cartacea del 21 novembre). Cerchiamo intanto di capire: chi sarà obbligato a emettere una fattura elettronica dal prossimo 1º gennaio?
“Tutte le aziende tranne quelle agricole e i soggetti a regime forfettari…

Bollettino natalizio di Porzus-Božična številka biltena o Porčinju

Immagine
Parložena Domu 30. novemberja je četrta številka dvojezičnega viersko-kulturnega biltena »Sveta Marija iz Porčinja«. Gre za osan strani, ki so posvečene pobožnosti do Matere Božije v beneškoslovenski vasici, ki leži 700 metru visoko nad muorjam v kamunu Ahten. Bilten je sad sodelovanja med uredništvam Doma in dušnem pastirjam v Porčinu g. Vittorinom Ghendo s sodelavci. Bilten pride uon trikat na lieto, za Božič, za Veliko nuoč ob začetku ruomarske sezone in za Rožinco pred oblietnico Marijinih parkozovanj. Mati Božja se je lieta 1855 trikrat v Porčinju parkazala čečici Tereziji Dušh v Dolini pod vasjo in v farni cerkvi in se z njo pogovarjala po slovensko, saj kronike poročajo, de je čečica guorila in zastopila samuo domači dialekt. Zatuo v zadnjih lietih v Porčinj parhaja nimar vič slovenskih ruomarju in se molijo svete maše po slovensko. Božični bilten poroča o romarskem letu 2018 in napoveduje romarsko leto 2019. Quale inserto del Dom del 30 novembre è uscito il quarto numero del b…

Natale-Božič in Benecia

Immagine
https://www.anteprimasagre.it/notte-di-natale-in-val-resia-2018-a-stolvizza/

Ne prezrite v Domu 30. novembra - Ecco il Dom del 30 novembre

Immagine
Bravo sindaco Sergio Chinese
Enajndvajseta letošnja številka Doma postavlja v ospredje naslednjo reformo lokalnih uprav. »Furlanija Julijska krajina je avtonomna dežela zaradi prisotnosti jezikovnih manjšin, zato bo naslednja reforma lokalnih uprav upoštevala to bogastvo. Ne bomo ponovili napake, ki je bila storjena, ko so vsilili sedanje medobčinske zveze.« Tako je povedal pristojni deželni odbornik Pierpaolo Roberti na občnem zboru SSO v Špietru. Pri nekaterih županih smo se pozanimali, kakšne povezave med občinami si želijo. Občnemu zboru SSO, ki je potekal v Špietru, Dom posveča šesto stran in uvodnik, v katerem se bere: “Parsotnost ministra za Slovence v zamejstvu in po svetu Petra Jožefa Česnika, regionalnega ašešorja Pierpaola Robertija, treh italijanskih in slovenskih parlamentarcu, štier regionalnih konsiljerju Furlanije Julijske krajine, deset šindiku (vsieh domačih iz Nediških dolin) in številnih drugih lokalnih administratorju, med katerimi tudi konsiljerja na videnskim kam…

Benečija/Slavia friulana

Immagine

SSO tudi za beneške Slovence - La SSO per gli sloveni e le nostre valli

Immagine
Občni zbor Sveta slovenskih organizacij v Špietru Svet slovenskih organizacij gleda naprej in bo še tarduo dielu za Slovence v Italiji, med katerimi ima še posebno par sarcu Benečane, Rezijane in Kanalčane, ki so narbuj potriebni pomoči, de obvarvajo svoj slovenski jezik in svojo slovensko kulturo, pa tudi de bojo še naprej živieli v svojih vasek pod Matajuram, Kaninam in Višarjami. Sodelavu bo z vsiemi, ki se zaries trudé za dobro naših ljudi, brez nikoli pozabiti na svoje korenine, ki so slovenstvo, demokracija in kristjanstvo. Tuole je sporočilo, ki je paršlo s 14. rednega občnega zbora (kongresa) Sveta slovenskih organizacij, ki je biu 16. novemberja v sali kamunskega konseja v Špietru, s številnimi gosti iz Furlanije Julijske krajine in Slovenije ter sevieda z delegati iz vsieh treh provinc, v katerih živé Slovenci. Občni zbor je pokazu, kakuo je dielo SSO močnuo in spoštovano tudi v videnski provinci. »Gremo takuo naprej,« je svoj pozdrav zaparu špietarski šindik Mariano Zufferli,…