Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2019

Urniki svetih maš za Vahti - Gli orari delle messe 1-2 novembre

Immagine
Vsi se vsako lieto čudimo, kakuo oživé naše vasi za Vahti, parvega in drugega novemberja, na guod Vsieh Svetih in za spomin viernih duš. Tela dva dneva imata veliko muoč par naših ljudeh, ki pridejo iz vsieh kraju in napunijo nazaj vse cierkva in britofe tudi skor zapuščenih vaseh. Zbrali smo urnike svetih maš in drugih andohtih v Benečiji, Reziji in Kanalski dolini.

Non solo Halloween:tradizioni slovene per Ognissanti

Verso la fine di ottobre fanno la loro comparsa un po’ ovunque zucche, fantasmini, streghette e altri mostriciattoli, a ricordarci che sta arrivando Halloween. Oggi è una festa ormai diffusissima, importata come tante altre mode dagli Stati Uniti, di cui è evidente soprattutto il lato consumistico, oscurandone i significati originari che ne stanno alla base. Eppure, qualche decennio fa, quando ero bambina io, di Halloween non si sentiva parlare. Ma tra il 31 ottobre e il primo novembre, con mia nonna, nata nel 1899, intagliavamo zucche per metterci dentro una candela e facevamo anche altre cose. Che cos’era? Un Halloween ante litteram o forse qualcos’altro, di cui oggi, purtroppo si sono perse le tracce? Dai celti a papa Gregorio IV La parola Halloween deriverebbe, secondo un’interpretazione, dallo scozzese “All Hallows’ Eve”, ossia “vigilia di tutti gli spiriti sacri”. La festività avrebbe le sue origini nella festa celtica di Samhain, che si svolgeva tra il 31 ottobre e il 1 novemb…

Turismo, il nodo è la sinergia

Immagine
Eppure qualcosa si muove. Il turismo esperienziale, slow, verde, sostenibile, non è solo una chimera spacciata per panacea di tutti i mali da politici di ogni rango e dalla stampa locale. Esiste. Anche nelle valli a ridosso del confine. Lo confermano i dati, in aumento anche dal lato dell’offerta, sui pernottamenti nell’Albergo diffuso delle Valli del Natisone nel 2019 (ne parliamo a pagina 2). A fine anno si raggiungeranno i tremila pernottamenti. Un trend in crescita da almeno cinque anni, su cui quindi val la pena investire. Con risorse, promozione e formazione del personale per un’offerta che sia in grado di generare un circolo virtuoso anche in termini di indotto e occupazione. Ora però, confrontiamo questo numero, tremila, con quest’altro: 860mila. Sono i pernottamenti che, si stima, si raggiungeranno nei comuni di Tolmino, Caporetto e Bovec. Togliamo Tolmino che per dimensioni non è paragonabile con i comuni valligiani. Togliamo anche Bovec (3300 residenti circa) che può conta…

Slavia unita nella nuova riforma - Nova reforma bo združila Benečijo

Immagine
Sul disegno di legge regionale di riforma delle autonomie locali, approvato l’11 ottobre dalla Giunta Fedriga e prossimamente all’esame del Consiglio regionale, abbiamo chiesto un giudizio a Giuseppe Sibau, consigliere regionale di San Leonardo, eletto nella lista di Autonomia responsabile e appartenente al gruppo Progetto FVG. «L’idea di fare le Comunità di montagna, obbligatorie per tutti i servizi che riguardano la montagna, va bene – ha risposto –. Ma poi che l’interfaccia tra la Regione e queste comunità sia l’Uncem a me non piace molto. Secondo me, l’Uncem non è strutturata per fare il trait d’union tra le due parti». Quindi, consigliere Sibau? «La proposta del mio gruppo consiliare, che poi era anche di Autonomia responsabile in campagna elettorale, è sì di ripristinare le comunità di vallata, ma che poi ci sia un organismo superiore che, in buona sostanza, funga da interfaccia tra esse e la Regione. Un organismo che sia ben strutturato, riceva le risorse e controlli come vengo…

Če je naša Dežela premalo pozorna do Slovenije…

Immagine
Predsednik Dežele FJK Massimiliano Fedriga je v zadnjih dneh spregovoril o mednarodni vlogi naše dežele. Naglasil je potrebo, da bi FJK postala središče diplomatskih in gospodarskih povezav z deželami Srednjevzhodne Evrope. Nekakšen ‘mali Cernobbio’ (v Villi d’Este se letno srečuje
svetovna politična in gospodarska elita), je dodal, in ugotovil, da je Dežela naravni povezovalni dejavnik širšega obmejnega območja, ne samo iz zgodovinskih razlogov, marveč zaradi njenega geopolitičnega položaja. V tem procesu je še kako pomembno sodelovanje med FJK in njenim naravnim zaledjem, ki sega čez mejo v Slovenijo. Predsednikove besede prepričano podpiramo, saj predstavlja ta vizija edino perspektivo za območje Alpe-Jadran. Njegove besede pa jemljemo z določeno zadržanostjo, saj je tako ambiciozen projekt težko doseči brez prijateljskega sodelovanja s sosednjimi regijami in državami, v prvi vrsti s Slovenijo. In prav tu se kažejo težave. Predsednik je v zadnjem trenutku odpovedal prisotnost na s…

Tolmin, Bovec in Kobarid se vključujejo v zeleno shemo slovenskega turizma

Občine Tolmin, Kobarid in Bovec so se prijavile na peti nacionalni poziv Slovenske turistične organizacije za pospeševanje vpeljevanja trajnostnega poslovanja v turizmu (na okoljskem, družbenem in ekonomskem področju), imenovan Zelena shema slovenskega turizma – Slovenia Green. Shema do danes združuje že 48 destinacij, okoli 40 ponudnikov, štiri parke in dve turistični agenciji z uspešno pridobljenim znakom Slovenia Green. V Posočju se s tem znakom lahko ponašajo že trije ponudniki namestitev, in sicer kampa Koren v Podbeli (Kobarid) in Korita v Soči (Bovec) ter Eco Chalet Astra Montana na planini Stador (Tolmin). Vključevanje treh posoških občin v Zeleno shemo koordinira zavod Turizem Dolina Soče. Do 30. novembra bodo zbirali podatke o trajnosti lokalnega turističnega razvoja ter še naprej osveščali lokalno prebivalstvo, gospodarstvo, obiskovalce in preostale deležnike o pomenu trajnostnega turizma. Na podlagi zbranih podatkov oziroma 100 meril in 100 kazalnikov bodo obč…

Anello mariano sul Cammino celeste -. Nova Marijina pot ob Nebeški poti

Immagine
Finalmente si procede alla tabellazione del sentiero denominato: «Cammino Mariano/Marijina pot». Si realizza un sogno a lungo cullato: un sogno su un percorso di 30 chilometri che permette di collegare (aprire e chiudere) l’anello che si innesta tra Masarolis/Mažeruola e Montemaggiore/Brezje. Costituisce la quinta tappa di «Cammino celeste/ Nebeška pot». Il nuovo sentiero consentirà, uscendo dal tracciato di Masarolis/ Mažeruola ex valico di Robedischis/ Robedišče, di raggiungere il santuario dell’apparizione mariana a Porzus/Porčinj e la Croce delle rogazioni di Subit/Subid per poi, come detto, ricongiungersi con Prossenicco/ Prosnid e Montemaggiore/Brezje. Il progetto, fortemente voluto e pensato dal Gruppo di Lavoro del Santuario Mariano, ha trovato la straordinaria e fattiva collaborazione delle Pro loco di Porzus/Porčinj e di Subit/Subid, dell’Associazione Val Grivò di Faedis/Fojda e del Comune di Taipana/Tipana. «Un plauso a tutti questi volontari – dice Sergio Cuffolo, uno di l…

Dokumentarec o življenju partizana Augusta Marinija, ki se je boril tudi v Benečiji

Pri slovenskem programskem oddelku deželnega sedeža RAI za Furlanijo-Julijsko krajino je nastal nov dokumentarec z naslovom “Proti toku. Zgodba partizana Augusta Marinija.” Režirala ga je Luana Grilanc, scenarij zanj pa je napisala Dunja Nanut. Film, ki traja približno 45 minut, bodo predstavili 18. oktobra na sedežu RAI v Trstu, na RAI 3 bis pa ga bodo predvajali v nedeljo, 27. oktobra, ob 20.50.
O življenju Augusta Marinija je že izšla tudi knjiga z naslovom “Bandito. Augusto Marini partigiano”, ki jo je napisal Mauro Caselli. V njej so zbrani spomini partizana in pripoveduje tudi o obdobju, ki ga je Marini preživel v Benečiji in Posočju. Tu je na primer spoznal tudi beneškega heroja Marka Redelonghija. (TUKAJ lahko poslušate, kaj je sam Marini povedal o beneškem junaku Redelonghiju na predstavitvi  knjige aprila lani v Trstu, februarja letos pa so knjigo predstavili tudi v muzeju SMO v Špetru).
http://novimatajur.it/cultura/dokumentarec-o-zivljenju-partizana-augusta-marinija-ki-se-je…

40 let za oddajo »Ta rozajanski glas« - 40 anni con «Ta rozajanski glas»

Immagine
Pa litos w saböto pyrvi din otobarja, so pöčale te zïmske tražmišjuni ta-na radio RAI Trst A. Tej po nawadi wsako saböto opuldnë ta-na radio ćë byt tražmišjun Te rozajanski glas po nes. Litos bojo pomoali Catia Quaglia ano Filippo Pielich ziz Solbice, Giulia Zanetti ziz Bile wkuop ziz Saro Bobaz ziz Liščace, Angelo Di Lenardo ziz Osajoni ano ja, ki pïšën. Isa to jë na wridna nawada za noše jüdi. So bo molo pošlüšet, da ka jë novaa tu-w Reziji ano karjë drüi lipi rači. Pai litos za nes ğat ta-na trak bo skërbala Barbara Ferluga, ki na dila za RAI. Na bo monćala ta rozajonska cïtira ano te lipe wuže po nes. Batël nejzat pa zawalit pa wse te jüdi, ki ta-čiz to lëto so pomoali za tyt na ta prid ziz iso lipo nawado. Litos isa tražmišjun na rivawa 40 lit ano za spomanot wse ise lita ćemo se nalëst 3 dni novembarja ta-na Ravanci, tu-w tëj Rozajoski kultürski ïši, na ne 4 populdnë. Bo na lipa fjëšta za wse Rozajone. (Sandro Quaglia) https://www.dom.it/40-let-za-oddajo-ta-rozajanski-glas_40-ann…

Rudi Pavšič prejel Red za zasluge Republike Slovenije-Rudi Pavšič ha ricevuto un'onorificenza dal Presidente della Slovenija Borut Pahor

Immagine
Predsednik Republike Slovenije Borut Pahor je danes, 25. oktobra, vročil nekdanjemu dolgoletnemu predsedniku SKGZ Rudiju Pavšiču Red za zasluge. V utemeljitvi je zapisano, da prejme Pavšič odlikovanje »za izjemne zasluge in dolgoletna prizadevanja pri uresničevanju pravic slovenske manjšine v Italiji ter za neprecenljiv prispevek k uveljavljanju medkulturnega dialoga«.
Pavšič, ki je danes predsednik Zadruge Novi Matajur, je v svoji dolgi družbeno-politični karieri zasedal številne pomembne funkcije: bil je med drugim pobudnik in več let predsednik Slovenske manjšinske koordinacije (Slomak), član deželne posvetovalne komisije, član Manjšinskega omizja pri italijanskem notranjem ministrstvu, predsednik Komisije za programske vsebine RTV Slovenija ter član Paritetnega odbora.
Red za zasluge je danes v Ljubljani prejel tudi Marjan Sturm, ki je od leta 1992 do februarja letos vodil Zvezo slovenskih organizacij, eno od slovenskih krovnih organizacij na Koroškem. Kot Pavšič v Italiji si je tud…

Giro d'Italia per tre giorni in Friuli, uno anche a Udine

Immagine
La novità è il giorno di riposo, con il trasferimento del quartier generale della corsa nel capoluogo friulano, dal quale, dopo la Rivolto-Piancavallo del 24 maggio (con Sella Chianzutan, forcella di Monte Rest, forcella di Pala Barzana), il 26 maggio partirà la Udine-San Daniele, che prevede le scalate alla Madonnina del Domm sul monte Joanaz, al monte Spig e per tre volte al monte di Ragogna.  24/10/2019 di Stefano Damiani Resterà per tre giorni in Friuli la carovana rosa del Giro d’Italia, dal 24 al 26 maggio prossimi, con due tappe e un giorno di riposo in cui il quartier generale della tappa sarà a Udine. Lo ha sottolineato “con soddisfazione” l’organizzatore delle tappe friulane del giro, Enzo Cainero, al termine della presentazione, a Milano, dell’edizione 2020 del Giro d’Italia. Come già annunciato in precedenza, la tappa del 24 maggio partirà dalla Base aerea di Rivolto (con il km 0 a Villa Manin) per arrivare a Piancavallo dopo 183 chilometri, passando per Vito d’Asio, Sella…

Dan Kobariškega muzeja

Immagine
V dolino Soče obiskovalce privablja tudi dediščna 1. svetovne vojne, premično dediščino soške fronte pa že skoraj 30 let hrani in vrednoti Kobariški muzej, ki je sestavni del TOP ponudbe doline Soče. V muzeju so v letih, ko so obeleževali stoletnice velike vojne zabeležili rast obiskovalcev: lani je bilo teh kar 65.500, letos, ko so vsekakor pričakovali približno 10-odstotni padec, pa so že našteli več kot 50 tisoč obiskovalcev, avgusta pa na mesečni ravni postavili nov rekord. Kobariški muzej je tudi prvi v Zgornjem Posočju in Julijskih Alpah pridobil znak kakovosti za 5-zvezdična doživetja s “Pripovedjo vojaka s soške fronte”, ki so ga zasnovali v sodelovanju s Fundacijo Poti miru v Posočju in Mlekarno Planika iz Kobarida. V soboto, 19. oktobra, so v Kobaridu s posebno slovesnostjo obeležili Dan kobariškega muzeja. Po pozdravu župana Marka Matajurce je imel slavnostni govor Silvester Gaberšček, vodja Sektorja za nepremično kulturno dediščino na Ministrstvu za kulturo Republike Slov…

Cultura alimentare e trasmissione dei saperi, una conferenza a Udine

Immagine
‘Il patrimonio alimentare nell’area di contatto fra le Alpi e l’Adriatico’ è il titolo di una conferenza internazionale organizzata dall’Università degli studi di Udine e dal Centro di ricerca scientifica dell’Accademia slovena delle scienze e delle arti (SAZU) in programma giovedì 24 ottobre nella sala convegni Gusmani dell’ateneo udinese.
La conferenza, coordinata dal prof. Roberto Dapit, è dedicata alla presentazione dei risultati delle ricerche svolte nella regione situata tra il Friuli Venezia Giulia, la Slovenia e la Croazia nella prospettiva storica, linguistica ed etnologica e riguardanti la cultura alimentare e la trasmissione dei relativi saperi.
Dopo gli interventi di saluto, a partire dalle 9.30, delle prof. Antonella Riem e Ingrid Slavec Gradišnik, prenderanno il via gli interventi di studiosi italiani e sloveni incentrati dapprima sullo sviluppo storico e le trasformazioni dei cibi dal punto di vista linguistico, etnografico e sociale, quindi sui cibi e i saperi. Nel pom…

V Dolenjah o domači toponomastiki - Serata su Dolegna e i suoi toponimi

Immagine
Scriò/Scriù/Skrljevo Il territorio di Dolegna del Collio/Dolegne dal Cuei/Dolenje presenta un interessante intreccio linguistico tra italiano, lingua ufficiale, e friulano e sloveno, lingue del territorio nelle rispettive varianti locali. Nei secoli tale intreccio ha trovato riflesso anche nella locale toponomastica. Il territorio ad Est di Cividale, che alla fine del diciottesimo secolo in gran parte ricadeva nell’area dell’antica pieve di Prepotto, è oggetto del volume «L’antica pieve di Prepotto – Toponomastica e onomastica», curato da Maurizio Puntin e Lauro Iacolettig e pubblicato nel 2015 dall’associazione «don Eugenio Blanchini» e dalla cooperativa «Most». Il libro è corredato dalle fotografie di Oddo Lesizza, originario di quell’area.
Il territorio interessato dalla ricerca è, quindi, luogo d’incontro e di contaminazione tra la lingua friulana e quella slovena.
Sebbene non presente nell’elenco ufficiale delle pievi dell’arcidiocesi di Udine, la parrocchia di San Giovanni Battis…

Fotografska razstava o gaspuodu Antonu Cuffolu/Mostra fotografica su don Antonio Cuffolo

>> ŠPIETAR
>> do konca novemberja,
je na ogled v Beneški galeriji fotografska arzstava o gaspuodu Antonu Cuffolu. Vajajo urniki muzeja Smo: vsak dan 10.-13. ter 14.-18. >> SAN PIETRO
>> fino alla fine di novembre
è visitabile alla Beneška galerija la mostra fotografica su don Antonio Cuffolo. Valgono gli orari del museo Smo: ogni giorno 10-13 e  14-18.

Likar: “Benečija iz Slovenije potrebuje vladni program gospodarskega razvoja”

V Benečiji so nekoliko zaskrbljeni, ker se bojijo, da se bo to večdesetletno sodelovanje z vami, sedaj ko ste v penziji, nekoliko umirilo. So te skrbi upravičene?
“V Benečijo sem začel zahajati še kot študent leta 1973. Do danes sem spoznal na Videnskem stotine ljudi, Slovencev, Furlanov in Italijanov. Mnogi so postali moji prijatelji. Pravi in iskreni. Uresničili smo nešteto skupnih pobud, krepili smo povezovanje Posočja in obmejnega pasu videnske pokrajine. Čeprav nisem več načelnik tolminske upravne enote, sem ohranil stike s prijatelji na Videnskem. Ne mine dan, da se ne bi srečal ali vsaj slišal z mojimi zamejskimi znanci. Potrebujemo eden drugega. Zato v Benečiji name lahko še naprej računajo, saj prava prijateljstva nikdar ne usahnejo.
Ljudje, ki so na odgovornih položajih v Posočju, bi morali skrbno negovati stike z zamejskim prostorom. Bojim se, da jim to ne gre dobro od rok.”
Upravno enoto Tolmin ste vodili 22 let, vendar ste se tudi prej, ko ste imeli druge zadolžitve, zavzema…

Benecia, nostro paradiso perduto - Benečija, naš izgubljeni raj

Immagine
Ritorna il racconto, per alcuni il mito perenne del paradiso perduto; perenne, perché può adattarsi a diversi luoghi e situazioni. Uno di questi è certamente la Benecia, da tutti salutata come l’ultima delle terre promesse, per la salubrità dell’aria, il fresco dei boschi, la purezza dei ruscelli e delle sorgenti d’acqua, la varietà dei frutti, in specie le mele. Proprio da queste sono state attratte le novelle Eve, che dagli alberi proibiti hanno staccato il prezioso frutto, per mangiarlo certo, ma dato che si trattava di quintali, non potevano trangugiarlo da sole, e così si sono date al commercio. Non abbiamo notizie di castighi terrestri, di quelli celesti non osiamo parlare, ma la cosa non deve rimanere impunita, perché rinnova antichi soprusi compiuti ai danni dei Valligiani, quando i prati erano più estesi ed i castagni, in questa stagione, davano i loro frutti generosi e saporiti. Se ne sono accorti anche i forestieri che hanno invaso valli e monti, animati da uno zelo purific…

Commemorazione dei caduti a Caporetto/Kobarid

Immagine
Veleposlaništvo Italije v Sloveniji je v soboto, 19. oktobra, pri Italijanski kostnici nad Kobaridom organiziralo tradicionalno spominsko slovesnost ob 102. obletnici kobariške bitke in v spomin padlim v prvi svetovni vojni. Kostnico so postavili leta 1938 v spomin italijanskim vojakom, ki so v 1. svetovni vojni padli v okolici Kobarida, Bovca, Tolmina in Rombona. V njej so pokopani ostanki 7014 italijanskih vojakov. Zbrane je nagovoril tudi državni sekretar na Ministrstvu za obrambo Republike Slovenije mag. Miloš Bizjak, ki je povedal, da je to kraj žalostnega spomina, kjer so svoj mir in pokoj našli italijanski vojaki, ki so med 1. svetovno vojno padli v Zgornjem Posočju in dodal: »Sporočilo tega mesta je zato zelo jasno in trpko… življenje je eno samo. Vojna pa je strašna tragedija in življenj, izgubljenih v njej, ni mogoče povrniti. Danes smo hvaležni, da živimo v svobodni in povezani Evropi. Ponosni smo na svojo narodno identiteto in delamo za dobrobit svoje domovine. V luči spom…

Commemorazione ai caduti

Immagine
V saboto, 19. otuberja, bojo šindaki in druge oblasti iz Čedada in Nediških dolin šli v Kobarid, de bi se poklonili našin sudadam, ki so padli v parvi svetovni vojski in počivajo v kostnici par Svetim Antonu. Napoviedana je parsotnost tudi italijanskega ambasadorja v Ljubljani, italijanskega genaralnega konzula v Kopru, predstavnika slovenske vlade, županov in drugih oblasti iz Posočja. Komemoracija bo začela ob 10. Narpriet bojo položli kranciljne, natuo bo sveta maša. Počastili bojo tudi grobnico partizanov na kobariškem britofu. Sabato, 19. ottobre, i sindaci delle Valli del Natisone e dell’intero mandamento di Cividale saranno a Kobarid per rendere omaggio ai caduti nella prima guerra mondiale sepolti nell’ossario di San Antonio. L’appuntamento è alle 10 con la deposizione di corone, seguirà la santa messa e, nel cimitero del paese, l’omaggio alla tomba dei partigiani caduti nella lotta di liberazione. È prevista la presenza dell’ambasciatore italiano a Lubiana, del console general…

Omaggio a Don Antonio Cuffolo

Immagine
A 130 anni dalla nascita e a 60 dalla morte, sabato 11 ottobre prima a S. Pietro al Natisone e poi a Lasiz di Pulfero si sono tenuti due momenti significativi per ricordare la figura di don Antonio Cuffolo, parroco originario di Platischis che dal 1920 alla scomparsa è stato prima cappellano e poi parroco a Lasiz. Una figura a cui si è ispirato lo scrittore sloveno France Bevk per il suo romanzo ‘Kaplan Martin Čedermac’. Il suo impegno per i diritti della gente della Benecia, compreso quello di poter usare senza restrizioni la propria lingua slovena, è stato evidenziato da Giorgio Banchig a margine dell’inaugurazione di una mostra fotografica dedicata al sacerdote. Banchig ha anche mostrato l’ultimo quaderno dove don Cuffolo ha tenuto il suo diario, in sostanza fino a pochi giorni prima di morire. Con un ricordo dello zio è intervenuta anche la nipote, suor Antonia, che ha poi parlato a conclusione della messa che è stata officiata a Lasiz e alla quale ha partecipato anche il coro Naš…

Siamo molto lontani dal poterlo definire un caseificio

Immagine
Sono lontanissimi ormai i tempi in cui le latterie sociali erano diffuse capillarmente in tutti i comuni delle valli del Natisone. Iniziano ad essere lontani, quasi 15 anni, anche i tempi in cui si iniziò a progettare il caseificio nella zona industriale di San Pietro al Natisone. La struttura, dopo una lunga e travagliata gestazione venne infine realizzata ma, nonostante i ripetuti interventi – l’ultimo nel 2016 – è ad oggi inutilizzata. Eppure qualche indicazione, se in effetti è prematuro parlare di ripresa, per gli allevatori delle vallate a ridosso del confine c’è. A confermarlo, in questa intervista, è anche Dario Roiatti, direttore della Latteria sociale di Cividale e Valli del Natisone. Abbiamo notato, nel vostro punto vendita di Cividale, la vetrina, con la doppia descrizione in italiano e sloveno, dedicata alla carne del marchio FARmEAT. Un progetto, nato nell’ambito del programma Interreg Italia Slovenia, che quindi si è dimostrato sostenibile economicamente anche una volta…