Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2018

Per Ognissanti c’è l’ocikana - Ocikana v Terski dolini za Vahte

Immagine
Tempo di preghiera, per la ricorrenza di Ognissanti e di Tutti i Morti, e tempo di tradizioni in Alta Val Torre, dove si è mantenuta inalterata nei decenni, in questa zona del Friuli più che altrove, l’usanza di cucinare un piatto tipico, quello della polenta condita, la «Ocikana». A raccontare come si prepara la speciale pietanza è Franca Sinicco, 57 anni, un’esperta dei fornelli, ottima cuoca ed erede della tradizione culinaria di famiglia. «Per prima cosa – spiega –, bisogna preparare la polenta che va fatta più morbida di quella che si fa di solito. Si può usare la farina bianca con un pugno di quella gialla. A parte si deve far sciogliere, intanto, un bel po’ di burro. A parte, ancora, si mette del latte a scaldare con l’aggiunta di sale». Una volta cotta la polenta, si prende una terrina ampia e si comincia a preparare la Ocikana a strati. È da questa terrina, molto capiente, che poi la pietanza sarà mangiata dai componenti della famiglia durante la sera del primo novembre. «Con il …

“Plešamö wkop od lëta 1838”, velik praznik za Folklorno skupino Val Resia

Immagine
Balliamo insieme dal 1838,grande festa per il Gruppo culturale Val Resia




W saböto, 20 dnuw otobarja, te rozajanski folklore jë spömanol, da otobarja lëta 1838 dan grüwčić plesawcuw anu citirawci z Rezije so plesali tu-w Vïdnë ta-prad tamo niškamo krajon Ferdinandom pärvamu. Isö to jë napïsanu, so dokumintavi anu zawöjo isoga se pravi, da to so 180 lit od ko so pöčali naši plesawci kazat wkrej od Rezije te rozajanski ples.
Za spomanot isö iti din pojütrë tu-w Universitadi te tu-w Vïdnë jë bil dan wridni konvenjo anu se jë rumunïjo od cïtire, od plesa anu od folklora.
Pöpuldë tu-w ti Rozajanski kultürski hïši ni so pražantali dan növi CD. Tïtul to jë “Rezija vësala”. Se mörë pošlüšat te növe anu pa te stare wüže anu pa cïtiro, da kaku ni so citirali patarduw lit na nazëd anu näšnji din. Jë bil pražantän pa dokumentari, ka paraćawa ta slavinska secjun RAI-ja tu-w Tärstë od našaga folklora.
Iti din jë bilu karjë njeh anu tej jë nawada za zarobit jë bila pa na lipa fjëšta.
*** Za veliko d…

A San Leonardo nasce il nuovo piano regolatore

Immagine
Il comune di San Leonardo sarà fra i primi in Regione ad ammodernare il proprio piano regolatore adeguandolo al Piano paesaggistico regionale. È quanto ha stabilito, all’unanimità, il consiglio comunale dello scorso 15 ottobre, dando così mandato agli uffici che redigeranno ora il nuovo strumento urbanistico.
Sia il sindaco Antonio Comugnaro che l’ingegnere Francesco De Cillia, responsabile del procedimento che è intervenuto durante l’assemblea, hanno evidenziato come le novità che potranno portare i cambiamenti più significativi, soprattutto per le aziende del settore, sono quelle relative alla nuova definizione di zona boschiva.
Di qui quindi l’invito, rivolto a tutti i cittadini, a partecipare agli incontri informativi, il primo dei quali, ha detto Comugnaro, si terrà nel capoluogo prima della fine dell’anno.
Con l’astensione dell’opposizione il Consiglio ha quindi approvato anche il nuovo Dup semplificato (Documento unico di programmazione, in cui spiccano i lavori previsti per i…

Ambiciozni načrti za čezmejni razvoj

Immagine
Bovec, Rezija, Kluže in Trbiž s skupno strategijo


Tudi na severnem delu obmejnega pasu videnske pokrajine se vse bolj intenzivno zavzemajo za čezmejno sodelovanje in skupno načrtovanje razvoja tega čezmejnega območja. Zato so že marca letos župani Bovca Valter Mlekuž, Kluž Fabrizio Fuccaro in Rezije Sergio Chinese podpisali pismo o nameri o skupnem spodbujanju trajnostnega razvoja celotnega območja kaninskega pogorja, ki je ključno za kraje, ki so sicer z demografskega vidika močno ogroženi. V zadnjih tednih pa se je krog sodelujočih občin še razširil, saj se je prvim podpisnikom – na predlog podpredsednika deželnega sveta Stefana Mazzolinija – pridružil še Trbiž.
V Bovcu so se tako na povabilo domačega župana Mlekuža prejšnji teden na delovnem sestanku zbrali Fuccaro, Chinese, trbiški prvi občan Renzo Zanette, Stefano Mazzolini, s slovenske strani pa še sovenski poslanec in domači občinski svetnik Danijel Krivec, direktorica Uprave Občine Bovec Katarina Barbara Ostan in v.d. direkto…

Po slovensko na devetih občinah - Lo sloveno per nove comuni

Immagine
V sriedo, 24. otuberja, se je regionalni ašešor Pierpalo Roberti, ki skarbi tudi za problematike Slovencu, mudiu v Benečiji. Na sedežu kamuna Svet Lienart v Gorenji Miersi se je sreču s sedmimi šindiki Nediških dolin in z njimi guoriu o mrieži za slovenski jezik v javni administraciji, ki jo je nastavila dedžela Furlanija Julijska krajina. Prsoten je biu tudi beneški regionalni konsiljer Giuseppe Sibau. Dosegli so dogovor, de bo region namenila vsako lieto 80 tavžint evru, de bi za slovenski jezik na devetih kamunah (Dreka, Garmak, Podbuniesac, Prapotno, Sauodnja, Sriednje, Svet Lienart, Špietar, Tauorjana) skarbiela dva uradnika, dva impiegata. Intesa raggiunta tra la Regione e i Comuni delle Valli del Natisone per la gestione dello sportello amministrativo in lingua slovena. Lo ha riferito l’assessore regionale alle Autonomie locali, Pierpaolo Roberti, al termine dell’incontro svoltosi, mercoledì 24 ottobre, nella sala consigliare del Comune di San Leonardo (Udine), alla presenza dei…

E' uscito il nuovo numero del Dom

In apertura del Dom n. 19 (con la data del 31 ottobre) ci sono le ricorrenze dei primi giorni di novembre, Tutti i santi e Commemorazione de defunti. Il direttore, mons. Marino Qualizza, scrive che questi non sono giorni di tristezza, ma di gioia. A pagina 2 pubblichiamo gli orari delle messe dell’1 e 2 novembre in Benecia, Resia e Valcanale.E c’è anche l’anniversario della fine della prima guerra mondiale, del quale quest’anno ricorre il centenario. Nell’articolo dedicato a quell’ evento, è riportato quanto annotò sul libro storico della parrocchia di San Leonardo don Giuseppe Gorenszach il 4 novembre 1918: «Oggi a mezzogiorno le truppe italiane sono arrivate a Cividale. Alle 15 erano già a San Pietro al Natisone. Siamo stati liberati e, grazie a Dio, senza che ce ne accorgessimo, senza colpi di arma da fuoco, senza sofferenze e fatti terribili. Rivolgiamo il nostro ringraziamento a Dio e alla Madonna di Castelmonte, che ci hanno protetti. In tutti i paesi si fa festa e sventola la b…

Primož Trubar e Michelina Lukcova

Immagine
L’OPINIONE Il padre della lingua letteraria slovena e l’autrice di Savogna accomunati dalla stessa passione ideale Quando nel luglio di dieci anni fa presentammo il secondo contributo letterario di Michelina Blasutig, il libro «An sviet besied… šenkanih – Un coro di parole » nella sala consigliare di Savogna – potremmo dire in casa dell’autrice –, si celebravano i 500 anni dalla nascita di uno dei fondatori della lingua slovena, Primož Trubar. Lui, da emigrante esiliato in Germania, elevò a rango letterario la lingua slovena, traducendovi – circa 460 anni fa – il Nuovo Testamento e parte dell’Antico. Di lui si scrisse: «Njegov pravi duhovni dom je biu pri “ljubih Slovencih”, za katere je živel do svojega zadnjega diha. Težko bi še našli kak- šnega takega idealista, ki bi s tako duhovno energijo od daleč, iz tujine, s soncem besede, in s toplino srca obseval svoje rojake v domovini» (Dr. Zvone Štrubelj). In italiano suona così: «La sua prima casa, la sua patria, dove ha lasciato l’anima, …

Benecia e Resia da 152 anni in Italia

Immagine
Il 21 e 22 ottobre del 1866, centocinquantadue anni fa, il plebiscito sancì l’ingresso della Slavia (Valli del Natisone e del Torre) nel Regno d’Italia. Il «voto» fu in realtà una formalità, una gran festa, dopo che questi territori erano stati ceduti, con gli interi Friuli e Veneto, dall’Austria in virtù del trattato di pace firmato il 3 ottobre a Vienna. In ogni caso, i valligiani, i primi sloveni a entrare in Italia, aderirono con convinzione al Risorgimento italiano, dopo che l’Austria aveva negato loro l’autonomia della quale avevano goduto nella Repubblica di Venezia. Ma gli entusiasmi furono ben presto gelati. «Questi Slavi bisogna eliminarli», sentenziava il «Giornale di Udine» («Ufficiale pegli Atti giudiziari ed amministrativi della Provincia del Friuli») in data 22 novembre 1866, un mese dopo l’annessione della regione all’Italia. E spiegava: «Non faremo però nessuna violenza; ma adopereremo la lingua e la coltura di una civiltà prevalente quale è l’italiana per italianizza…

Benečanka v redu Klaris - Beneciana nell’Ordine delle Clarisse

Immagine
V saboto, 6. otuberja, je v samostanu munji reda Klaris v Ahtenu, med mašo Daniza Chiara Cencig iz Togliana, pa s koreninami v Benečiji, nardila začasne objube. Somaševanje, par katerim je pieu zbor iz Portogruara, je vodu pater Ginantonio Campagnolo, kustos kapucinskega samostana na Stari gori. Kàr je Daniza paršla v cierku, je bila nasmejana, raduost se ji je videla na obrazu. Na glavi je nosila bieu vel, ki ga je bila sprejela, kar je vstopila v noviciat, an šopek rož. Po začasnih objubah so Danizi dal’ na glavo čarin vel, ki so ga ji šenkale munje Klarise kupe z bukvami Sv. Chiare an križam. Čez tri lieta pa bo dala venče objube. Sveta maša je bla ganljiva. Bluo je puno žlahte an puno parjatelju. Prisotni so bli don Valerio Della Costa, ki je biu do lani famoštar v Tauarjani, duhovniki iz fare San Giovanni al Natisone, iz Ahtna an druzih bližnjih far. Daniza Cencig je bla stopila v noviciat 22. otuberja 2016 po enem lietu, ki ga je preživiela v samostanu v Ahtnu. Daniza je sada st…

Suns Europe 2018, inizia il conto alla rovescia

La diversità linguistica da ascoltare, da vedere, da leggere, da rivendicare e da vivere si mette nuovamente in mostra in Friuli. Inizia il conto alla rovescia per la quarta edizione di Suns Europe, il festival delle arti nelle lingue minoritarie del continente, organizzato dalla cooperativa Informazione Friulana col sostegno finanziario dell’ARLeF (Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane), della Regione autonoma Friuli-Venezia Giulia, del Comune di Udine e della Fondazione Friuli e con il patrocinio del Consiglio d’Europa e della Rete europea per la promozione della diversità linguistica (NPLD). La manifestazione, alla cui realizzazione si accingono a collaborare a vario titolo anche altre istituzioni locali ed europee, si terrà a Udine e in altre località friulane dal 29 novembre al 2 dicembre. Il cartellone abbraccerà come di consueto espressioni creative nelle lingue delle minoranze e delle nazioni senza stato d’Europa nei settori della musica, del cinema e della letteratura. Il prog…

Kanalska dolina privlači Slovence - La Valcanale attira gli sloveni

Immagine
Iz leta v leto narašča v Kanalski dolini število turistov, ki pridejo si ogledat zanimivosti, ki so neposredno povezane z domačo slovensko skupnostjo. Kanalska dolina ponuja marsikatero naravno ali kulturno lepoto. Turisti pridejo si ogledat naravne posebnosti, kot sta Belopeški jezeri, Rabeljsko jezero, domači vrhovi ali planine. Hodijo po gorskih stezah ali po na novo urejenih poteh, kot so Puanina tour ali Weidachweg. Ustavijo se v Naborjetu, da bi si v Beneški palači ogledali Etnografsko zbirko, ali v Rablju, da bi obiskali rudnik. Kolesarijo iz vasi v vas, da bi obiskali cerkvice. Proti Svetim Višarjam se pa napotijo tako iz turističnih kot iz verskih razlogov.
Zadnja leta sami domačini opažajo, da je vse več posameznikov in organiziranih skupin, ki v Kanalsko dolino prihajajo, da bi spoznali kulturo in življenje domačih manjšinskih skupnosti. To velja tako za slovensko skupnost kot za nemško skupnost v Kanalski dolini. Na primer se obiskovalci iz Republike Slovenije zelo pogosto …

Koncert v spomin na konec vojne - In ricordo della fine della guerra

Immagine
»Nesmisel, Vojne skice, Bitka« so samo nekateri izmed naslovov skladb, ki so doživele krstno izvedbo na letošnjem otvoritvenem koncertu Vokalnega abonmaja Slovenske Filharmonije v Ljubljani in bodo 23. oktobra ob 20.00 doživele krstno izvedbo v Italiji na enkratnem koncertu v cerkvi svetega Frančiščka v Čedadu. Povezuje jih spomin na stoletnico konca prve svetovne vojne, ki je tudi tema deželnega projekta Spomini/Memorie 1918-2018, s katerim je KC Lojze Bratuž v Gorici ustvaril mrežo tematskih kulturnih dogodkov. Zborovsko petje je zaznamovalo vse etape projekta, najprej z večerom poezije in glasbe v Gorici, kjer so zazvenele priredbe vojaških in ljubezenskih ljudskih pesmi Hilarija Lavrenčiča. Dva dogodka sta nastala v sodelovanju z najstarejšo slovensko glasbeno ustanovo: prvi je bil koncert v opernem gledališču Verdi v Trstu, kjer sta zbor in orkester SF, s četverico znanih opernih solistov, izvedla Mozartov Rekvijem. Drugi pa bo še bolj neposredno povezan s spominom na žrtve vojne…

Po slovensko v tipajski šoli - Sloveno nelle scuole di Taipana

V tipajskem otroškem vrtcu in osnovni šoli je spet stekel pouk slovenščine. Potekal bo ob petkih. Kakor lansko leto je za tedensko uro slovenščine – eno v vrtcu in eno v osnovni šoli – zahtevala Občina Tipana. Ko je prejela dovoljenje s strani večstopenjskega inštituta v Čenti, je poiskala pomoč pri združenju Blankin, ki je zagotovil učiteljico. Tako bo vseh 21 otrok, ki obiskujejo tipajsko šolo, deležno pouka slovenščine. Pri Občini Tipana pa poudarjajo, da gre za začasno rešitev in se bodo še naprej prizadevali za sistemsko rešitev vprašanja, torej popolno uresničitev zaščitnega zakona za Slovence. Le-ta določa, da je možen kurikoralni pouk slovenščine in v slovenščini tudi v vseh vrtcih in osnovnih šolah z italjianskem učnem jeziku na območju videnske pokrajine, kjer je priznana slovenska manjšina. Nella scuola dell’infanzia e in quella primaria di Taipana è ripeso l’insegnamento settimanale della lingua slovena. L’iniziativa è partita dal Comune di Taipana che, ottenuto il via libe…

Pulfero si appella alla tutela della minoranza slovena per salvare l’asilo del comune

Immagine
Il comune di Pulfero è stato classificato “montano” ed è stato inserito nell’ambito di applicazione della legge 38/2001 che tutela la minoranza linguistica slovena. Sono queste le due motivazioni, richiamate nella delibera della giunta del comune valligiano guidato dal sindaco Camillo Melissa, con cui l’ente, lo scorso 27 settembre, ha chiesto alla Regione di mantenere il plesso della scuola per l’infanzia sul territorio, in deroga al principio generale che stabilisce che il numero minimo di iscritti per l’avvio delle attività debba essere di 20 bambini. L’asilo di Pulfero ha infatti quest’anno “solo” 17 iscrizioni. Ma la stessa Regione, con una delibera del 20 marzo scorso, ha stabilito che nel caso si tratti di territorio montano e/o con presenza di minoranze linguistiche, il comune possa chiedere e ottenere una deroga al limite minimo di frequentanti. Lo stesso comune di Pulfero, nelle scorse settimane, aveva confermato la scelta di non fornire il servizio di trasporto scolastico …

Quelle case dovrebbero andare ai valligiani bisognosi

“Abbiamo fatto una richiesta che ritengo sacrosanta, di semplice buonsenso: mettere a disposizione di due famiglie bisognose delle valli del Natisone i due appartamenti di Cemur, un tempo della Comunità montana, oggi di proprietà dell’Uti del Natisone”. Non nasconde un certo rammarico il sindaco di San Leonardo Antonio Comugnaro per il rinvio della discussione nell’assemblea dell’Uti dello scorso 18 settembre sulla sua richiesta di concedere al comune le proprietà immobiliari della frazione di Cemur. Si tratta di due appartamenti che fra l’altro, tiene a dire il sindaco “sono in disuso da 20 anni e avrebbero bisogno, ora, di alcuni interventi di manutenzione che il Comune di San Leonardo si è offerto di realizzare con fondi propri.” La richiesta del comune valligiano risale ad oltre un anno fa, spiega Comugnaro, ma – precisa – “Non è questione di partigianeria, non abbiamo chiesto che i due appartamenti vengano assegnati a famiglie bisognose esclusivamente del comune di San Leonardo.…

Ecco il Dom del 15 ottobre

Nel numero recante la data del 15 ottobre, il quindicinale Dom approfondisce la polemica sulla denominazione della gubana. Spenti i riflettori mediatici sulla polemica generata dalla sparata di un imprenditore friulano sulla necessità di commercializzare la gubana con il nome di Grappa pie, per darle maggiore appetibilità sul mercato statunitense, resta la necessità di una rinnovata azione per la tutela del dolce tipico delle Valli del Natisone e un’efficace promozione. La storia della gubana, della gubanca per chiamarla col suo vero nome, è, dunque, una storia di conflitti, ripicche e sgambetti tra produttori. Invece di una grande forza di penetrazione nel mercato, ha generato tante debolezze, mettendo il dolce delle Valli del Natisone alla mercé di chicchessia. L’uovo di Colombo, quindi, per distinguere la «gubanca» – il marchio depositato è, gubanza, la grafia latinizzata del nome sloveno, perché altrimenti in Italia l’avrebbero quasi tutti pronunciato gubanka – dalla gubana prodot…

MINORITY SAFEPACK

«Le firme non devono restare sulla carta» In Italia raccolte a sostegno quasi 80 mila firme, in Slovenia circa 7 mila. Minority SafePack è stata una iniziativa dei cittadini europei di successo, dal momento che le autorità competenti nei 27 Stati membri dell’Unione europea hanno convalidato un totale di 1128385 adesioni. Il numero definitivo sarà noto quando anche le autorità francesi annunceranno la validità delle loro adesioni. «Le minoranze nazionali autoctone sono parte del patrimonio culturale europeo, grazie ad esse il nostro continente è per davvero diversificato. Per questo abbiamo bisogno di strumenti adeguati per tutelare la loro identità linguistica e culturale», ha sottolineato Lorant Vincze, presidente dell’Unione federale delle nazionalità europee (FUEN), organizzazione promotrice di questa iniziativa dei cittadini europei, che invita l’Unione europea ad adottare una serie di misure legislative per potenziare la tutela delle minoranze etniche e linguistiche. Al 63. cong…

“Lučice na oknah”, v novi knjigi Brune Balloch dragocene besede v terskem narečju

Immagine
Kulturno društvo Ivan Trinko je med Slovenskim slavističnim kongresom, ki je prejšnji teden potekal v Vidnu, predstavilo knjigo Brune Balloch ‘Lučice na oknah’. Gre za drugo knjigo pravljic in pripovedk, ki jih je Bruna zbrala in uredila, po zborniku ‘Mlada lipa’, ki ga je društvo izdalo leta 2010.
Tokrat gre za delo, ki vsebuje besedila, ki jih je neutrudna zbirateljica in zapisovalka ljudksega blaga odkrila v območju, ki od domačega Subida sega do Mažerol in Čenebole, vse do Prosnida in Barda. Na predstavitvi je predsednica KD Ivan Trinko Jole Namor najprej opisala zgodovino in delovanje društva in drugih slovenskih kulturnih organizacij na območju videnske pokrajine, kjer živi slovenska manjšina.
Opozorila je tudi na to, da se je demografska in družbeno-ekonomska slika v naših krajih v tem zadnjem polstoletju bistveno spremenila, gorske vasi se še naprej praznijo, prebivalstvo se stara in danes je slovenska skupnost v tej pokrajini na robu izginotja.
Nato je Namorjeva na kratko predst…

Roberti, minoranza slovena risorsa importante

TRIESTE – TRST-Fvg-Slovenia

L’assessore Roberti ha incontrato il console Volk La tutela della minoranza linguistica slovena e delle sue tradizioni e il rafforzamento della collaborazione tra il Friuli Venezia Giulia e la Slovenia, anche in vista della definizione della nuova programmazione europea. Sono stati questi i temi cardine dell’incontro tra l’assessore regionale alle Autonomie locali, sicurezza, immigrazione e politiche comunitarie, Pierpaolo Roberti, e il console generale della Repubblica di Slovenia, Vojko Volk, al quale ha partecipato anche la console Tanja Mljač. Roberti ha sottolineato che «la minoranza slovena rappresenta una risorsa importante per il Friuli Venezia Giulia e la Regione ha già avviato un dialogo fattivo sia con la Commissione regionale consultiva per la minoranza slovena sia con i sindaci dei Comuni bilingui. Si tratta di un confronto rilevante e utile anche in vista della nuova riforma degli enti locali che terrà conto delle particolarità e delle identi…

Za novo upravljanje gozdnih virov - Per ripensare la gestione dei boschi

Immagine
Riflettere insieme sulle dinamiche da porre in atto, affinché il settore forestale abbia nuove prospettive, affinché acquisisca nuovo slancio e, soprattutto, non vada perdendosi. Con questo auspicio del sindaco, Alan Cecutti, si è aperto a Taipana/Tipana, sabato, 22 settembre, il convegno dal titolo «La gestione forestale nelle foreste prealpine», durante il quale un nutrito gruppo di relatori ha discusso in merito alle problematiche, le opportunità e le concrete soluzioni per la nuova programmazione e la gestione della risorsa forestale privata. Nella gremita sala consiliare, davanti a un folto pubblico, sono intervenuti esperti, professionisti e amministratori pubblici, contribuendo a una discussione che ha fornito tanti spunti per nuove prospettive di gestione del bosco. A moderare il convegno è intervenuto il dottore forestale Paolo Mori, direttore responsabile della rivista tecnico-scientificaSherwood – Foreste ed alberi oggi. A intervenire per primo è stato il libero professionist…